BASILICA DI SAN PIETRO

Noi romani quando entriamo in San Pietro lo facciamo come se entrassimo nella nostra parrocchia, non guardiamo i particolari nascosti o i gioielli d’arte che adornano altari e  monumenti funebri di papi e personaggi illustri.

Sicuramente tutti i visitatori italiani e stranieri si saranno incantati davanti alla Pietà di Michelangelo presi dal fascino di quella Madonna quasi bambina e dal suo Figlio morto ma non tutti sanno che  questa opera è l’unica ad essere stata firmata dal grande Artista.

La storia narra che alcuni intenditori d’arte, ammirando l’opera la attribuirono  a Cristoforo Solari, al ché Michelangelo indispettito appose la sua firma sulla cintura della Vergine.

Il fonte battesimale della basilica vaticana è composto da una conca di porfido  che proviene dal Mausoleo di Adriano ma è ricavata esattamente dal sarcofago di Ottone II.

Carlo Fontana fu l’ideatore  della Cappella del Battistero eretta nel 1694 , ed anche del disegno della copertura in bronzo che reca, nel medaglione centrale, l’immagine della Santissima Trinità che benedice il mondo.

Altra curiosità che ai più passa inosservata è la Ruota Porphiretica, grande disco di porfido rosso incassato nel pavimento poco dopo la porta della navata centrale. Questa ruota proviene dall’antica basilica  Costantiniana  e su essa prendevano  posto gli imperatori quando il Pontefice imponeva loro la corona imperiale.

Uscendo dalla Basilica  nella grande piazza e precisamente in mezzo alle due fontane gemelle sul selciato sono collocati  due dischi di marmo che recano la scritta: centro del colonnato. Da ognuno di quei  dischi  il colonnato del Bernini in prospettiva appare formato da una sola fila di colonne anziché quattro come sono in realtà.

Mi auguro che queste poche  note stuzzichino la vostra curiosità  e vi facciano  fare un giro per questa città  bella e intrigante.

Written By

Attempata signora innamorata di Roma, della sua storia e delle sue tradizioni ma attenta e curiosa verso le scoperte e le tecnologie del futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *