Più libri Più liberi

Più libri più liberi
La piccola e media editoria si mette in mostra.

Più libri più liberiRoma, Palazzo dei Congressi, 7-11 Dicembre 2011
I libri si mettono in mostra a ‘Più libri Più Liberi‘, la manifestazione preferita dai romani  e dai librai di tutta Italia, che in questo evento annuale trovano un’oasi dove approdare con tanti libri per i visitatori.

Con 56 mila visitatori, oltre 300 eventi e 411 editori, “Più Libri Più Liberi” conferma il gradimento sia da parte del pubblico che degli addetti ai lavori. I dati affermano che vi è un’alta percentuale di giovani che affezionati vi ritornano ogni anno, ma tantissimi sono anche i nuovi lettori contagiati dall’entusiasmo di questa manifestazione.

Nonostante la crisi, il libro continua ad essere un bene che piace agli italiani, i quali difficilmente rinunciano ad acquistarne e a regalarne, una occasione per regalarsi e regalare un bene che allieta tutti i lettori.

All’inaugurazione del 7 Dicembre sono state presenti le istituzioni e gli organizzatori, che hanno così dato il via alla manifestazione; tante le scolaresche che si aggiravano tra gli stand incuriositi dai tantissimi libri a loro dedicati, tanti gli operatori del settore e gli editori sempre sorridenti e pieni di inventiva. Ogni stand difatti si distingueva, improntandolo con le tematiche della propria linea editoriale.

Durante la manifestazione si sono alternati moltissimi ospiti, alcuni illustri, tra i più seguiti Andrea Camilleri che ha chiuso idealmente la fiera in una sala affollatissima di lettori, il quale ha dichiarato: “Si dice “le sudate carte, ma io non ho mai sudato sulla carta. Alla base della scrittura deve esserci il piacere: è come il lavoro di un falegname, che è il primo a divertirsi nel creare un bel mobile”.

Code anche per l’incontro con la scrittrice belga Amélie Nothomb, che ha raccontato la sua idea di scrittura, la sua “drammatica fiducia” negli altri e il labile rapporto tra realtà e finzione. Sarah Shun-lien Bynum ha spiegato come nascono le visioni oniriche del suo “Madeleine dorme”. L’impegno dell’attivista e giornalista messicana Lydia Cacho ha invece incantato un pubblico prevalentemente femminile. Petra Reski ha invece raccontato i pericolosi intrecci tra mafia e potere. Margherita Hack ha presentato in fiera il suo libro “La mia vita in bicicletta” in un incontro che ha incuriosito molti presenti.

Non solo libri cartacei ma anche ebook, la tecnologia corre assieme al classico volume, la quale si arricchisce non solo di nuovi lettori ma anche di tantissime librerie virtuali dove acquistare un semplice pdf da portate sempre con se.

Dedicata ai più piccini la mostra esposta al secondo piano del Palazzo dei Congressi con le tavole originali della graphic novel “Fiato sospeso” di Vecchini e Sualzo, tra l’azzurro tipico delle piscine e le illustrazioni, che hanno incantato tanti bambini.

Una fiera che piace e sorprende sempre per la sua unicità e varietà editoriale ove la creatività non è mai in crisi e l’editoria è sempre in fermento, come ce lo dimostra “Più libri, più liberi”.

La cultura di un popolo si denota anche da manifestazioni di questo genere. “Più libri Più Liberi” vi da già appuntamento per l’undicesima edizione dal 6 al 9 Dicembre 2012.

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *