Centro/Periferia

Centro Periferia
I vincitori del concorso in mostra al Palazzo delle Esposizioni.

Centro PeriferiaPalazzo delle Esposizioni, 23 Novembre 2012, Roma

Dal 20 al 25 novembre il Palazzo delle Esposizioni di Roma ha ospitato le opere dei vincitori del concorso Internazionale ideato da Federculture dedicato ai giovani artisti.

In questa V Edizione hanno trionfato quattro artisti con differenti stili ed identità. Premiate dal Comitato Scientifico, composto da Pio Baldi, Marco Bazzini, Silvia Evangelisti, Matteo Lafranconi, Ivan Novelli, Michelangelo Pistoletto, Ludovico Pratesi, Luigi Ratclif, Oliviero Toscani e Maurizio Vanni, le opere fotografiche “Simulatory city (city landscape)” dell’artista russo Andrey Abramov e “La mia Casa (Alessandra)” dell’artista Rori Palazzo.

La Giuria Popolare, composta dal pubblico accorso a visitare la mostra dei 28 finalisti che si è svolta lo scorso giugno presso il Tempio di Adriano, ha invece optato per “Pot Pourri”, l’opera fotografica di Tania Brassesco & Lazlo Passi Norberto e “Fora da fila”, il dipinto dell’artista brasiliano Ian Guper.

Centro PeriferiaOltre le opere vincitrici, posizionate al centro del Salone dello Spazio Fontana, vi sono inoltre esposte, nel corridoio circostante, le opere degli artisti che hanno vinto le quattro precedenti edizioni del concorso, ovvero Wilson Abreu; Elad Armon; Guldane Araz; Nicola Bettale; Nicola Bozovic; Maria Chiara Calvani; Estefania Cipriani; Raffaella Fornasier; Lilve Garcia; Lina Hakim; Vineta Kaulaca; German Lagña; Francesco Mernini; Nicolantonio Mucciaccia; Michele Parisi; Anja Puntari; Shinya Sakurai; Alessandro Scarabello; Enrico Tealdi e Tiziano Torroni.

Centro PeriferiaPot Pourri”, l’opera di Tania Brassesco & Lazlo Passi Norberto fa parte della serie “The Essence of Decadence”, i quali realizzano opere legate al mondo della Staged Photography, concernente l’interpretazione dei personaggi, la confezione degli abiti, delle acconciature e le costruzioni integrali delle scenografie, con scatti elaborati nei minimi particolari, dallo studio della luce alla post-produzione.

L’opera di Ian Guper “Fora da fila”, rappresenta il dipinto di una donna sul limite di una grande massa di persone che si allunga orizzontalmente sul piano. Coprono completamente l’orizzonte. Rappresenta la tensione tra l’orizzontalità della massa e la verticalità della figura sola, usando una certa rigidità nella composizione.

Centro Periferia L’opera di Andrey Abramov, “Simulatory City” , rappresenta uno spazio di finzione, ricreato dal fotografo. Un modo per guardare l’immagine della nostra coscienza, nella ricerca giornaliera del modo di reagire alle percezioni. Offre allo spettatore un puzzle culturale, poichè ogni foto contiene due storie. All’inizio colpiscono le cose ovvie e i soggetti delle foto ma approfondendo, l’immagine inizia a cambiare.

L’opera di Rori Palazzo, “La mia Casa (Alessandra)” , facente parte del lavoro che compone la serie Dream, l’artista parte dall’ascolto del sogno, immagina le fotografie per creare una visione onirica ed ibrida.

Centro Periferia Il concorso Centro/Periferia si avvale del patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero per gli Affari Esteri e del GAI – Giovani Artisti Italiani.

Quest’anno è gemellato con il concorso per giovani talenti Co Co Co Como Contemporary Contest.

Tra le varie opere vi è esposta inoltre “Troppo”, un dipinto di Dario Ballantini, padrino eccezionale della V edizione.

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *