Alberto Sordi

Alberto Sordi
Il percorso espositivo.

Alberto Sordi Roma, Complesso del Vittoriano 14 Febbraio 2013

A dieci anni dalla scomparsa del grande attore Alberto Sordi, nella sua amata città Roma si infittiscono gli eventi e le rassegne dedicate alla sua memoria.

Tra le varie iniziative presenti in città vi è la mostra “Alberto Sordi e la sua Roma”, allestita presso il Complesso del Vittoriano.

La mostra, inaugurata il 15 Febbraio alla presenza della sorella Aurelia Sordi, si divide in due percorsi specifici ove nel primo si può scoprire il lato più famigliare ed intimo di Alberto Sordi, mentre nel secondo si ha una panoramica dell’Albertone nazionale, conosciuto grazie ai suoi numerosissimi film.

Nella Sala Zanardelli del Complesso del Vittoriano è proprio Alberto stesso ad accogliere il visitatore, con un video curato dalla Rai, composto di estratti ricavati dai suoi film e dalle sue partecipazioni televisive, per poi scendere le scale e ritrovarsi nel mondo famigliare ed intimo di Alberto Sordi.

Alberto Sordi In questa sezione appaiono le fotografie di Alberto da bambino, tratte dall’album di famiglia, per proseguire con alcuni mobili, quadri ed oggetti provenienti dalla sua dimora, come il pianoforte, le poltrone del suo salotto, la sua scrivania, la sella con cui amava cavalcare, la sedia del suo barbiere, dipinti e ritratti dell’attore, premi e riconoscimenti cinematografici, ma non solo.

In questa sezione sono presenti anche i suoi scritti pubblicati sul quotidiano “Il Messaggero”, in cui Alberto esprimeva il suo punto di vista sulla città e sul mondo. Scritti dai quali emerge un profondo amore per la sua città, ma anche tutto il suo sarcasmo e quel pizzico di cinismo caratteristico di ogni romano doc.

Alberto Sordi Si prosegue con numerose fotografie della sfera privata ma anche pubblica dell’attore, come quando ha assunto la carica di Sindaco di Roma per un giorno, o durante le votazioni del 1956, quando Alberto si reca al seggio per votare, delle sue foto con amici del mondo dello spettacolo, ma anche con il Papa. Accanto alle foto vi è anche una teca con all’interno un tripudio di cimeli della squadra calcistica AS Roma, della quale Alberto era un accanito tifoso.

Al piano superiore invece si trovano locandine, costumi di scena, sceneggiature, oggetti, fotografie e quant’altro relativo al mondo cinematografico di Alberto Sordi e dei suoi film. Una carrellata di titoli, personaggi e storie che assumono nella memoria del visitatore un chiaro e preciso istante che ha segnato anche la loro vita.

Alberto Sordi I film di Alberto Sordi segnano la storia del nostro Paese ed al contempo lo descrivono in ogni sfaccettatura, rappresentati dai grandi personaggi, come il Vigile urbano, il Marchese del Grillo, il Dottore della Mutua, il Gondoliere, il Magistrato e tanti altri personaggi di vita comune.

Personaggi indimenticabili che hanno segnato il percorso artistico di Alberto Sordi, ma contemporaneamente anche del nostro Paese.

In questo percorso cinematografico sono presenti anche alcuni costumi utilizzati per il film “Il Marchese del Grillo”, ove Sordi interpreta un nobile dell’aristocrazia romana, con i suoi vizi ed i suoi scherzi da burlone.
Una mostra che fa sognare, una mostra omaggio che rende finalmente un tributo a uno dei più grandi artisti del nostro Paese, animato da un profondo amore per la sua città.

La mostra è promossa da Roma Capitale, in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione per il Cinema Rai, con il patrocinio di Fondazione Alberto Sordi, Media Partner Il Messaggero, a cura di Gloria Satta, Vincenzo Mollica, Alessandro Nicosia e Tiziana Appetito.

La mostra è ad ingresso libero ed è visibile fino al 31 Marzo 2013.

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *