ATTACCO AL POTERE

 

GENERE: Azione, Thriller

REGIA: Antoine Fuqua

SCENEGGIATURA: Katrin Benedikt, Creighton Rothenberger

ATTORI: Gerard Butler, Aaron Eckhart, Melissa Leo, Radha Mitchell, Morgan Freeman, Ashley Judd, Dylan McDermott, Cole Hauser, Angela Bassett, Han Soto, Robert Forster, Rick Yune, Arden Cho, Tory Kittles, Sean O’Bryan, Amber Dawn Landrum

FOTOGRAFIA: Conrad W. Hall

MONTAGGIO: John Refoua

PRODUZIONE: Nu Image / Millennium Films, Sony Pictures Entertainment, West Coast Film Partners

DISTRIBUZIONE: Notorious Pictures

PAESE: USA 2013

DURATA: 120 Min

TRAMA: Un piccolo gruppo di estremisti, armati fino ai denti e meticolosamente addestrati, dà il via ad un audace agguato in pieno giorno alla Casa Bianca, oltrepassando l’edificio e prendendo in ostaggio il Presidente Benjamin Asher (Aaron Eckhart) e il suo staff all’interno dell’impenetrabile bunker presidenziale sotterraneo. Il loro obiettivo è quello di mettere sotto scacco l’intera nazione degli Stati Uniti, attaccandoli con le loro stesse armi. Mentre infuria una battaglia campale sul prato della Casa Bianca, l’ex responsabile della sicurezza presidenziale, Mike Banning (Gerard Butler), si unisce alla mischia, scoprendo che è l’unico membro dei Servizi Segreti ancora vivo nell’edificio assediato. Banning usa la sua preparazione e la dettagliata conoscenza della residenza presidenziale per divenire gli occhi e le orecchie del vice presidente Allan Trumbull (Morgan Freeman) e dei suoi consiglieri. Nel momento in cui gli invasori iniziano a giustiziare degli ostaggi minacciando di ucciderne molti di più se non vengono esaudite le loro richieste, Banning, cerca di individuare il giovane figlio del presidente, nascosto da qualche parte all’interno dell’edificio, e salvare il presidente stesso prima che i terroristi possano mettere in atto il loro piano. Quando il numero delle vittime aumenta e il tempo sta per scadere, diventa chiaro che Banning rappresenta l’unica speranza degli Stati Uniti per evitare la catastrofe.

Fanta thriller d’azione diretto da Antoine Fuqua, con attori di  prim’ordine              come Morgan  Freeman, Dylan McDermott e  Aaron Eckhart. La storia è piuttosto incredibile sotto diversi  aspetti. La trama è relativamente semplice: al centro della trama, un assalto alla Casa Bianca da parte di un gruppo di terroristi nordcoreani, attacco corredato da esplosioni, piogge di proiettili, elicotteri e quant’altro, per un film che punta sul disimpegno e sull’azione.

L’inizio del film è piuttosto lento con scene di vita familiare quotidiana se si esclude che la famiglia in questione è quella del Presidente degli Stati Uniti, poi l’incidente stradale in cui la first lady muore la vigilia di Natale andando ad una cena di beneficenza, nonostante gli sforzi della guardia del corpo di scongiurare l’inevitabile, che come premio per le sue prestazioni ottiene l’allontanamento dal posto di lavoro.

Quando un manipolo di estremisti nord coreani prende in ostaggio il Presidente e il suo entourage nel bunker della Casa Bianca, finalmente si presenta l’occasione per Mike di riscattarsi ed ecco che avviene la trasformazione da impiegato d’ordine a eroe intrepido.

E così inizia una sequenza infinita di sparatorie, omicidi, colpi bassi, doppiogiochisti, triplogiochisti e chi più ne ha più ne metta.

La storia presenta una serie di incongruenze e di azioni improbabili come lo stesso attacco alla Casa Bianca, è impensabile per esempio che con la tecnologia odierna nessuno si accorga dell’imminente attacco terroristico; quindi la storia sotto certi punti di vista non è ne realistica ne credibile, però funziona ugualmente e il risultato finale è interessante. Mike è l’eroe senza macchia e senza paura e anche il protagonista di questa pellicola, che dopo varie peripezie riuscirà a riscattarsi e a riavere il suo glorioso lavoro, non senza passare (e non in senso puramente metaforico) sui cadaveri dei suoi nemici e non senza devastare l’interno della residenza presidenziale con bombe e sparatorie, ma questi sono effetti collaterali accettabili dato il risultato finale.

Written By

Segni particolari: Informatica di lungo corso, cittadina di internet, residente del web. Nasce assistente al software nei primi anni 90, poi cresce come programmatore di vari linguaggi (c, cobol, Visual Basic, sql, pl1 ecc.) evolve come analista programmatore ma poi cambia rotta, ma non troppo, ricoprendo il ruolo di recruiter (di figure informatiche ovviamente, ma non solo) poi di responsabile del personale e infine di direttore del personale di una nota testata giornalistica politico/economica. Ma non si ferma qui; quasi per caso intraprende con successo la carriera di docente informatico presso importanti aziende e clienti istituzionali nel lontano 2002 e scopre di amare non solo la cattedra ma anche i fogli di calcolo e i database relazionali di cui in breve tempo ne diventa cintura nera. Consegue la certificazione ECDL e l'abilitazione di esaminatore AICA, ed esercita anche come esaminatore ecdl dal 2004. Attualmente la docenza è la sua vita, le da molte soddisfazioni a livello professionale . Materie insegnate: pacchetto office a tutti i livelli, gestione della segreteria, d.lvo 81/2008 (salute e sicurezza). insomma, informatica di lungo corso, amante dei libri dei viaggi degli animali e della birra; attualmente docente transumante con la speranza forse utopica di trovare un pascolo fisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *