ALEX CROSS

GENERE: Thriller

REGIA: Rob Cohen

SCENEGGIATURA:

ATTORI: Rachel Nichols, Tyler Perry, Giancarlo Esposito, Matthew Fox, Jean Reno, Edward Burns, John C. McGinley, Carmen Ejogo, Chad Lindberg, Yara Shahidi, Cicely Tyson

FOTOGRAFIA: Ricardo Della Rosa

MONTAGGIO: Thom Noble

MUSICHE: John Debney

PRODUZIONE: QED International, Envision Entertainment Corporation, IAC Productions, James Patterson Entertainment

DISTRIBUZIONE: Sony Pictures Italia

PAESE: USA 2012

DURATA: 118 Min

SOGGETTO: adattamento cinematografico del romanzo di James Patterson La memoria del killer.

TRAMA: Alex Cross (Tyler Perry), è un detective e profiler della polizia di Detroit. A seguito del ritrovamento del corpo orribilmente mutilato di una donna viene messo a capo delle indagini che dovrebbero portare all’arresto del pericoloso serial killer chiamato Picasso (Matthew Fox). In squadra col suo partner e amico Tommy Kane (Edward Burns) e la neo collega Monica Ashe (Rachel Nichols) i tre si mettono sulle tracce dell’assassino mentre questo sta per arrivare al suo nuovo bersaglio, Giles Mercier (Jean Reno), proprietario di una multinazionale di Detroit. Cross dovrà entrare nella mente del killer per riuscire a prevedere cosa potrebbe succedere e capire perché Picasso abbia concentrato il suo odio su Giles. Nella sfida spietata tra i due, il detective dovrà pagare un prezzo altissimo che lo costringerà a spingersi oltre i propri limiti morali e psicologici.

Film molto interessante sia come trama che come sviluppo della storia e soprattutto come scelta degli attori coprotagonisti;

La storia è piuttosto lineare: il profiler Alex Cross segue l’indagine su un pericoloso serial killer con l’intento di arrestarlo, ma la trama si infittisce sempre più e le vicende del serial killer si intrecciano con quelle di un facoltoso proprietario di una multinazionale di Detroit, un certo Giles Mercier interpretato da Jean Reno, e la storia prende una piega del tutto inaspettata che per il detective Cross sconfinerà ben oltre i limiti dell’ambito professionale.

Va detto che la trama così ben architettata è frutto della mente letteraria di un grande scrittore del genere qual è James Patterson, di cui il detective e psicologo Alex Cross è protagonista di ben 20 romanzi, tra cui “nella morsa del ragno” e “il collezionista” precedentemente interpretati sul grande schermo da un magistrale Morgan Freeman che ora passa il testimone a Tyler Perry.

In questa pellicola però la storia si discosta in diverse occasioni dal testo originale; innanzitutto mancano i risvolti psicologici che nel testo originale aiutano il lettore a capire il forte legame del detective Cross con la sua famiglia, che qui si riducono a poche scene poco esplicative, ma probabilmente il fatto è dovuto alla maggiore propensione del regista a girare scene d’azione piuttosto che relativamente sentimentali; non dimentichiamoci che Rob Cohen ha diretto film d’azione sfrenata quali Fast and Furious, XXX, La mummia e La tomba dell’imperatore dragone.

Il risultato finale è comunque un bel giallo in cui non mancano l’azione, i colpi di scena, e le sottigliezze cinematografiche, ma che poco rispecchia la velocità d’azione del romanzo da cui è tratto il film.

Tutta la storia è piuttosto scorrevole e godibile, con un cattivo indimenticabile qual è Matthew Fox attore non nuovo ad interpretare ruoli difficili che ha spiccato il volo nell’olimpo delle celebrità con Lost, in cui vestiva i panni di un personaggio non proprio facile, quelli dell’eroico e determinato dottor Shephard.

Concludendo, direi che questo Alex Cross è un film riuscito ma molto liberamente tratto dall’omonimo libro uscito dalla penna di James Patterson “la memoria del killer”.

Written By

Segni particolari: Informatica di lungo corso, cittadina di internet, residente del web. Nasce assistente al software nei primi anni 90, poi cresce come programmatore di vari linguaggi (c, cobol, Visual Basic, sql, pl1 ecc.) evolve come analista programmatore ma poi cambia rotta, ma non troppo, ricoprendo il ruolo di recruiter (di figure informatiche ovviamente, ma non solo) poi di responsabile del personale e infine di direttore del personale di una nota testata giornalistica politico/economica. Ma non si ferma qui; quasi per caso intraprende con successo la carriera di docente informatico presso importanti aziende e clienti istituzionali nel lontano 2002 e scopre di amare non solo la cattedra ma anche i fogli di calcolo e i database relazionali di cui in breve tempo ne diventa cintura nera. Consegue la certificazione ECDL e l'abilitazione di esaminatore AICA, ed esercita anche come esaminatore ecdl dal 2004. Attualmente la docenza è la sua vita, le da molte soddisfazioni a livello professionale . Materie insegnate: pacchetto office a tutti i livelli, gestione della segreteria, d.lvo 81/2008 (salute e sicurezza). insomma, informatica di lungo corso, amante dei libri dei viaggi degli animali e della birra; attualmente docente transumante con la speranza forse utopica di trovare un pascolo fisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *