Frida Kahlo

Frida Kahlo
Una delle più grandi artiste messicane.

 Frida KahloRoma, 18 Marzo 2014, Scuderie del Quirinale

L’anteprima della mostra della pittrice messicana Frida Kahlo allestita presso le Scuderie del Quirinale è stata letteralmente presa d’assalto da giornalisti ed addetti ai lavori, che inaugurano così l’esposizione di colei che ormai è divenuta un’icona dell’arte, anticipando correnti artistiche e cavalcando l’onda della rivoluzione messicana.

Il percorso espositivo della mostra di Frida Kahlo è composto da oltre 40 ritratti ed autoritratti dell’artista, tra cui “Autoritratto con collana di spine”, del 1940, esposto per la prima volta in Italia, assieme all’altro capolavoro “Autoritratto con vestito di velluto” del 1926, il primissimo autoritratto dipinto all’età di 19 anni per conquistare l’amato Alejandro Gòmez Arias.

Frida KahloNon solo dipinti e ritratti, ma anche bozzetti a matita e fotografie che narrano la straordinaria ed altrettanto sofferta vita di Frida Khalo, tra passioni, malattie, gelosie, rivoluzioni ed amor per l’arte.

D’altronde, la stessa pittrice mescola l’arte alla sua vita privata, in un inscindibile percorso artistico che l’ha resa un’icona dell’arte.

Frida Khalo nasce il 6 Luglio del 1907 a Coyoacàn, Città Del Messico, anche se lei stessa ha fissato la sua data di nascita al 1910, in concomitanza con la rivoluzione messicana che iniziò proprio in quell’anno e terminò nel 1917.

Icona della cultura messicana del novecento, anticipatrice del movimento femminista, seducente soggetto di ispirazione Hollywoodiana, Frida ha legato l’arte alla sua vita privata, diventando nel tempo un simbolo e un esempio della sua arte. Prova ne sono gli innumerevoli autoritratti della pittrice, il miglior soggetto per esprimere la sua creatività.

Frida KahloNei suoi dipinti quindi si possono scorgere episodi di vita vissuta dalla stessa Frida, come l’incidente che la colpì all’età di 17 anni su di un autobus, costretta in seguito a una lunghissima degenza, dove decise di diventare pittrice ed abbandonare così gli studi di medicina.

Arte e rivoluzioni sociali e culturali che diventano uno spunto predominante per alcune sue opere, come lo straordinario corsetto di gesso, indossato dalla stessa Frida a causa dell’incidente, ove si manifesta la sua completa dedizione al partito comunista e a quell’idea di rivoluzione e partecipazione politica.

Attraverso lo spirito rivoluzionario reinterpreta il passato indigeno e le tradizioni folkloristiche, mescolando colori e simboli della cultura messicana, passando tra svariate correnti artistiche, vedendo in Frida sempre un acceso entusiasmo dal Pauperismo rivoluzionario, stridentismo, surrealismo e Realismo magico.

Frida KahloNon solo rivoluzione, ma anche passione ed amore. Frida esprime la sua sensualità e l’amore per lo storico marito, il pittore Diego Rivera, attraverso una serie di ritratti ove il compagno artista è sempre presente, come nell’opera “Autoritratto come Tehuana, (o Diego nei miei pensieri”) del 1943, o in quello più suggestivo “L’Amoroso abbraccio dell’Universo, la terra (Messico), io, Diego e il signor Xolotl”, in un mescolarsi di elementi naturali e l’immancabile figura del marito, simbolo dell’amore più trascendentale.

Ma Diego Rivera non è l’unico amore della pittrice. Una lunga relazione la lega anche al fotografo Nickolas Muray, il quale la ritrae in una serie di scatti presenti nella mostra.

Frida KahloFrida si è prestata inoltre come musa e “modella”, ricreando così attorno la sua figura quel mito iconografico ormai noto, in una serie di scatti che hanno fatto il giro del mondo.

Il tema principale della pittura di Frida Kahlo è sicuramente l’autorappresentazione, giocando con vari stili e correnti artistiche ove al centro vi è la sua figura.

Tra i vari quadri in esposizione vi sono anche artisti che sono stati vicini alla pittrice, sia personalmente che come linguaggio artistico, nonché presenti vari quadri del marito Diego Rivera.

Frida KahloUna mostra che ha lo scopo di porre in risalto l’aspetto artistico ed all’avanguardia della pittrice, scavando in parte nella sua vita privata, ma che al contempo ne rivela il genio e l’estrosa creatività, ove tutto viene messo in discussione ed oggetto di opere d’arte.

Una figura affascinante che ha saputo rendere la propria figura un’icona dell’arte, ancor oggi amata ed imitata.
La mostra è promossa dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali e del Turismo, da Roma Capitale – Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica e organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in coproduzione con MondoMostre.

La mostra è visitabile fino al 31 Agosto 2014 presso le Scuderie del Quirinale e proseguirà a Palazzo Ducale di Genova dal 20 Settembre, raccontando l’influenza artistica che Diego Rivera ha esercitato su Frida Khalo.

Frida Kahlo

Tags from the story
Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *