Avanguardie urbane

Avanguardie Urbane
Street Art Festival a Roma

Avanguardie Urbane  Roma, 11 Aprile 2014

La Street Art è un fenomeno fortemente in crescita, dove soprattutto gli artisti Europei si cimentano nell’arte di “strada”, ovvero quell’arte che non bussa alle vostre porte o che attende il vostro arrivo presso l’interno di un edificio, bensì è quell’arte che si può visionare liberamente, improvvisamente e nei luoghi più insoliti della città, “provocando” delle reazioni. Sia esse positive che negative, di stupore e meraviglia o anche talvolta di indignazione, ma suscitando costantemente un dialogo tra le parti, per una partecipazione comune all’arte che vi ruota intorno.

Così come sta accadendo sempre più frequentemente a Roma, ove nell’ultimo periodo le opere di street art vanno intensificandosi, grazie anche al progetto curato da Stefano S. Antonelli, “Avanguardie Urbane, Roma Street Art Festival 2014”, il festival dedicato alla street art.

Incontro Stefano in una intensa mattinata lavorativa, sempre alla ricerca di nuovi spazi ove far fiorire le opere che, grazie ai suoi collaboratori, tra cui Francesca Mezzano, compaiono nel festival della street art romana.

D’obbligo quindi un giro limitrofo, ove appaiono in tutta la loro bellezza le opere più in vista nel quartiere Ostiense, alla continua scoperta di opere che fioriscono proprio lì dove gli abitanti ed i visitatori non si aspettano di vederle.

Palazzi e muri che si trasformano in tele per i 30 artisti che partecipano a questa edizione del festival, fino al mese di Luglio.

La prima opera ad essere realizzata nell’ambito di “Avanguardie Urbane” è quella dello street artist tedesco Clemens Behr, realizzata sull’edificio dell’azienda dei trasporti Atac che si trova accanto alla fermata della metropolitana “Garbatella”, realizzando un insieme di elementi geometrici colorati.

Avanguardie UrbaneJumping Wolf”, realizzata da ROA nel quartiere di Testaccio, è invece una delle opere che più ha diviso i romani, gusti in contrapposizione che non scalfiscono però l’idea e la realizzazione di questo festival dedicato alla street art, ovvero quello di dar vita a una manifestazione che vuole rendere nota quest’arte contemporanea, arrivando direttamente al cuore dei cittadini e dei visitatori, oltre a promuovere gli artisti, in special modo quelli italiani che, all’estero invece, hanno molteplici e svariate occasioni per mettere in mostra la propria arte ed il proprio talento, rimodernando ancora una volta quel flusso di creatività che contraddistingue da sempre l’arte italiana, nei secoli e secoli innovatrice di nuove correnti artistiche e capolavori tutt’oggi ammirati (e talvolta imitati) ma senz’altro fonte di ispirazione, per numerosi artisti internazionali.

Si prosegue fino ad arrivare nel quartiere di Roma 70, ove la scuola “Dalla Chiesa” si trasforma in un’opera di Street Art grazie all’intervento di Tellas, con l’opera “Natural Apparition”. Un intervento significativo, non solo poiché i primi a beneficiarne sono gli stessi studenti, vivendo così in un ambiente più creativo e stimolante, riqualificando l’edificio, ma anche per evidenziare come l’intervento dell’artista e dei curatori del progetto, possano essere protagonisti di una operazione sociale, di cui tutti possano goderne.

Avanguardie Urbane” è un progetto ideato e promosso dalle associazioni 999Contemporary e Roam, senza l’ausilio di fondi pubblici, ciò a testimoniare ancora di più l’impegno e la volontà nel realizzare una manifestazione che intende coinvolgere tutti, a beneficio degli artisti e della stessa città di Roma, diventando un museo della street art contemporanea a cielo aperto.

Durante il corso della mattinata non manca inoltre la visita ad alcuni spazi, per constatarne l’effettiva fruibilità per la realizzazione delle nuove opere a cura degli street artist.

Il progetto ha comunque l’intento di arrivare piano piano in tutte le zone della città, dal centro alla periferia, per coinvolgere tutti i cittadini in una grande manifestazione artistica.

Avanguardie UrbaneRoma si appresta quindi ad essere piacevolmente “invasa” e colorata da opere che nascono proprio laddove nessuno osava pensare di vederne. Sarà dunque un piacere, ma anche una sorta di caccia al tesoro, girovagare per la città alla ricerca della street art, fotografandola e condividendola con il mondo. E’ in questo modo che la maggior parte della street art viene fruita, grazie anche all’ausilio del web.
Ad ogni modo, vi sarà anche occasione di vedere alcune opere realizzate nella sede del Museo Macro Testaccio di Roma, con una mostra ad ingresso libero, da Giugno ad Agosto, alla scoperta di questa fantastica arte contemporanea.

Per non perdere gli appuntamenti ed il “work in progress” delle opere in realizzazione, nonché per sapere dove andare a visitarle di persona, vi rimando al sito della 999 Gallery, ovvero www.999gallery.com.

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *