Posh

Posh
Giovani, ricchi, viziati, arroganti e crudeli.

PoshRoma, 22 Settembre 2014, Anteprima cinematografica presso Cinema The Space Moderno

DATA USCITA: 25 settembre 2014
GENERE: Thriller, Dramma
ANNO: 2014
REGIA: Lone Scherfig
SCENEGGIATURA: Laura Wade
ATTORI: Natalie Dormer, Sam Claflin, Jessica Brown Findlay, Douglas Booth, Holliday Grainger, Max Irons, Ben Schnetzer, Jack Farthing, Sam Reid, Freddie Foxx, Olly Alexander, Michael Jibson
FOTOGRAFIA: Sebastian Blenkov
MONTAGGIO: Jake Roberts
PRODUZIONE: Blueprint Pictures
DISTRIBUZIONE: Notorious Pictures
PAESE: Gran Bretagna
DURATA: 107 Min

E’ l’inizio di un nuovo anno accademico per vecchi e nuovi studenti di uno degli atenei universitari più autorevoli, prestigiosi e famosi al mondo, ovvero Oxford.

Un prestigio ambito da molti che, nonostante abbiano l’accesso a frequentare i corsi presso il famoso ateneo, si spingono ben oltre per arrivare al top, per giungere nella cerchia di chi conta veramente.

Se non fai parte del Riot Club non sei nessuno e non diventerai nessuno. Il club nasce in memoria di uno dei giovani più brillanti e pieni di vita dell’ateneo nel 1776, il quale per la sua entusiasmante passione per le donne, viene colpito a morte da un marito tradito. Nel corso dei secoli però, il vero scopo del Riot Club si evolve e diviene sempre più esclusivo, dove a contare non è soltanto più l’intelletto, ma le ambizioni di un posto dorato nel mondo.

Alistair e Miles sono due nuovi studenti che vengono notati dai componenti del Riot Club che sono alla ricerca di nuovi “adepti”. I due sono onorati e dopo un rituale di iniziazione, vengono invitati alla cena del Riot Club per iniziare insieme un percorso che li porterà lontano.

I dieci componenti del club sono giovani, intelligenti, appartenenti a famiglie benestanti. Ricchissimi, viziati, arroganti. I giovani studenti possono permettersi tutto, soprattutto far notare ai non appartenenti al club che loro possono osare tutto. Ed è proprio in questa cena che il gruppo esce fuori dai soliti schemi, accompagnando l’alcool all’arroganza, per concludere con quella violenza incontrollata ed insensata verso coloro che non appartengono al proprio rango sociale, semplicemente perchè sentono che tutto gli è permesso, semplicemente perchè credono che il denaro possa comprare tutto e risolvere ogni problema.

Così i ragazzi umiliano Lauren, la ragazza di Miles, offrendole dei soldi in cambio di sesso, la quale sconvolta non solo dall’oscena proposta ma anche dall’atteggiamento del ragazzo che non la difende, corre via dal pub ove i ragazzi si sono riuniti per festeggiare. Lo stesso pub sarà protagonista di un atto imprevisto e violento che catapulterà i giovani in una nuova prospettiva.

Se in principio la pellicola introduce lo spettatore nel mondo dorato di prestigiosi giovani che hanno la possibilità di poter davvero fare grandi cose nella vita, nella seconda parte questo mondo avrà un risvolto davvero sgradevole, ove a regnare è soltanto l’arroganza.

PoshPosh”, tratto da uno spettacolo teatrale, affronta un tema molto delicato legato ai giovani che, per spirito di appartenenza o per ambizioni non del tutto nobili, usano il loro potere per ottenere tutto ciò che vogliono. Un film che offre uno spunto sociale sul mondo dei club, in special modo di quelli maschili, con la regia e la sceneggiatura curate da un occhio femminile, per una lettura e una visione ancor più in contrapposizione.

Il finale a sorpresa del film lascerà forse interdetti, ma di forte impatto sulla realtà dei nostri giorni.

Ad accompagnare il film inoltre vi è anche un enorme entusiasmo da parte di un pubblico giovanile che, proprio nei giorni scorsi a Roma, ha accompagnato i giovani attori protagonisti del film che hanno subito conquistato le loro simpatie, attorniandoli per sessioni di autografi e scatti fotografici.

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *