Intervista alla Compagnia Teatreale Doppia Coppia

Toilet Party
La Compagnia teatrale “Doppia Coppia” torna a teatro con il nuovo spettacolo “Toylet Party”, per la regia di Claudio Insegno. Lo spettacolo ha debuttato presso il Teatro Porta Portese di Roma il 6 Ottobre. La compagnia è composta da Giovanni De Anna, Giulia Di Turi, Laura Bonato e Emiliano Morana.

Toilet PartyToilet Party” ha debuttato al Teatro Porta Portese di Roma nell’ottobre del 2015. Raccontateci brevemente questo spettacolo e come ha reagito il pubblico.
Toilet party” nasce dall’idea di un’autrice francese. Il testo che originariamente era per 6 personaggi è stato poi da noi riadattato per 4, e i personaggi sono stati cuciti su di noi!

Totalmente ambientato in un bagno, racconta di una festa a sorpresa riuscita male ove i quattro personaggi rimangono chiusi in bagno per colpa di una porta difettosa.

Durante il periodo di prigionia accadono diversi “incidenti” che permettono ai quattro di conoscersi meglio e di scoprire i loro pregi e difetti. Non mancano piccoli spunti di riflessione, che però fanno da contorno alla spensieratezza e alle risate che vogliamo, con questo spettacolo, regalare al nostro pubblico.

Il pubblico ha reagito benissimo, cosa che ci ha dato tanta forza. La soddisfazione più grande è sicuramente quella di vedere un pubblico sorpreso e soddisfatto della nostra professionalità, che troppo spesso non ci si aspetta da ragazzi giovani come noi.

La regia dello spettacolo è stata affidata a Claudio Insegno che, entusiasta del vostro lavoro, ha voluto “investire” di nuovo sul vostro talento. Quanto è importante per voi questa collaborazione? Quanto il regista vi ha esortato nel migliorarvi ed affrontare sempre al meglio il palcoscenico?
La collaborazione con Claudio è stata di fondamentale importanza. Dopo aver fatto due spettacoli completamente con le nostre forze (testi e regia di Emiliano, scenografia di Giulia, ecc…), abbiamo deciso di fare un passo avanti facendoci dirigere da un regista esperto, sia per provare il confronto con un professionista, sia per metterci alla prova uscendo dal “porto sicuro” che è il nostro gruppo.

Siamo soddisfatti di aver intrapreso questa strada. Speriamo anche che questa scelta ci porti una maggiore “credibilità” nel mondo del teatro romano e non solo.
Claudio ci ha esortato soprattutto a divertirci sul palcoscenico e a “giocare”. Solo così il pubblico può davvero divertirsi insieme a noi. E così è stato!

Toilet PartyQuando incontrate Claudio Insegno? In che modo lo “convincete” ad essere dei vostri?
A incontrare Claudio è stato Giovanni, il quale è stato il regista di uno degli ultimi spettacoli per cui Giovanni ha recitato.
Parlandogli della compagnia e della nostra voglia di crescere, Claudio si è mostrato da subito interessato alla nostra storia.
Ha trovato un copione per noi e alla prima lettura è stato amore!

Come nasce la vostra compagnia e qual è stato l’iter della vostra gavetta?
Noi quattro ci siamo conosciuti in accademia. Poco dopo il nostro diploma, Emiliano ha scritto un testo che vedeva protagonisti due uomini e una donna e ha proposto a Giovanni e Laura di salire sul palco con lui.
Poi ha chiesto a Giulia di fargli da aiuto regia e il quadretto si è completato.
Subito capiamo di lavorare bene insieme e decidiamo di mettere su la Compagnia Doppia Coppia.

A distanza di poco tempo Emiliano scrive “100 modi per dirti ti lascio“, che vede per la prima volta tutti e quattro sul palco. È stato un grande successo! L’abbiamo portato in giro per l’Italia collezionando 13 repliche, per noi un grandissimo traguardo. Sempre equipaggiati per fare il tutto con le nostre forze, dall’attrezzeria, al disegno luci, alle musiche, al disegno, realizzazione, montaggio e smontaggio della scenografia, per non parlare dell’auto produzione, che più che una scelta è stata una conditio sine qua non!

Quali altri spettacoli, secondo voi, rappresentano al meglio la vostra compagnia e che sono piaciuti particolarmente al pubblico?
Dimmi che stai scherzando?!” rimarrà sicuramente nel nostro cuore, perché è stato il primo, un esperimento che ci ha regalato tanti insegnamenti.
Non ne abbiamo fatti ancora molti, ma alla domanda sicuramente rispondiamo con “100 modi per dirti ti lascio“. Quelli siamo noi.

Non a caso nei sei episodi dello spettacolo utilizziamo sempre i nostri veri nomi, non perché i personaggi siano uguali a noi, ma perché quello spettacolo è frutto del nostro entusiasmo, del nostro affiatamento e dei nostri sforzi.
Sicuramente lo spettacolo che ci ha dato più soddisfazioni e che ci ha fatto capire che possiamo farcela.

Toilet PartyQuale spettacolo invece vorreste diventasse un vostro successo?
Ci auguriamo con tutto il cuore che tutti i nostri spettacoli abbiano successo, e che soprattutto abbia successo la Compagnia Doppia Coppia; vorremmo che diventasse un marchio distintivo del teatro italiano, che rappresenti professionalità, credibilità, entusiasmo, forza di volontà, insomma, che rappresenti una certezza per il pubblico. Un po’ come quando leggiamo un grande nome su un cartellone. Anche perché qui in Italia il teatro lo si va a vedere più per il Nome che per lo show in sé per sé!

In quali altri teatri porterete “Toilet Party”?
La tournée è in fase di elaborazione. Sicuramente rifaremo le nostre solite tappe, che sono Latina, Montalto di Castro e la Puglia (quattro date). Vorremmo osare di più con “Toilet Party” e per questo stiamo lavorando per voi!

State lavorando a qualche altro progetto?
Al momento siamo immersi in questo spettacolo, in fondo abbiamo appena iniziato, e per qualche mese parleremo ancora di “Toilet Party”.
Questo per quanto riguarda la compagnia, poi abbiamo anche le nostre singole carriere artistiche da portare avanti e ognuno di noi ha i suoi progetti e i suoi lavori parallelamente ai Doppia Coppia! Sicuramente possiamo dirvi che sentirete parlare a lungo di noi!

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *