La Lupa

La Lupa di Verga portata in scena dall'attrice Lina Sastri.

 

testo di Giovanni Verga

con Lina Sastri, Giuseppe Zeno, Enzo Gambino, Clelia Piscitello, Eleonora Tiberia, Simone Vaio, Giorgio Musumeci, Valeria Panepinto e Giulia Fiume

scene e costumi Françoise Raybaud

musiche Massimiliano Pace

regia Guglielmo Ferro

 

12342555_502954736544032_6972105070180208020_nNel terzo appuntamento della stagione teatrale del Teatro Savoia 2015/16, a cura della Fondazione Molise Cultura, i giorni 14 e 15 dicembre è andata in scena Lina Sastri : “gnà Pina”, la Lupa di Verga!

Lo scenario è un bellissimo campo di grano nel quale appaiono e scompaiono i personaggi.

Lina Sastri interpreta “La Lupa”, un personaggio animalesco ma, ecco il mio “ma”, secondo me nell’adattamento teatrale del testo di Verga sono state tagliate molte parti principali. La “lupa” di Verga è una donna della quale si ha paura, è rispettata, per timone non per stima, da tutti. Quando passa tra le vie del paese le donne si fanno la croce, la considerano un demone e gli uomini le si “attaccano alla gonnella”. Nella trasposizione teatrale questa figura forte ed “indemoniata” de “la lupa” viene meno, anzi, gnà Pina fa la sua comparsa direttamente nel campo di grano quando è già esplicito il suo sentimento per Nanni e viene derisa e schernita dalle contadine, dai contadini, da Nanni stesso. Appare arrabbiata ma fragile, triste e delusa e piange. Personalmente non l’ho percepita come la lupa di Verga. Risulta chiaro il sentimento per Nanni, il quale però la rifiuta deridendola, asserendo che avrebbe preferito la sua giovane figlia a lei.12391422_502954739877365_3517123866697327180_n

Anche la passione che poi nasce tra gnà Pina e Nanni, causa dell’allontanamento della figlia di gnà Pina dalla madre, motivo di una denuncia del comportamento adultero dell’ormai marito Nanni, viene messo in secondo piano, viene solo velatamente narrato.

I dialoghi vanno avanti veloci con qualche testo anche cantato.

Il finale è rispettato in pieno ed è il più logico possibile: il male deve morire!12341161_502954863210686_3839167647225862000_n

Il personaggio che mi ha convinta di più, ma si è un po’ persa nel finale, è stata proprio la catanese Clelia Piscitello che interpreta zia Filomena e che, come siciliana, ha dovuto fare pochi sforzi per recitare in siciliano, peccato che alla fine il corso di dizione abbia preso il sopravvento così come in tutti gli altri, compresa Lina Sastri.

Quello più coerente come personaggio e recitazione è stato, secondo me, Giuseppe Zeno, il Nanni.

 

12376269_502954843210688_5084749410539415490_n

Spettacolo durato 1 ora e 20, circa, con qualche minuto in più il testo di Verga sarebbe stato più rispettato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *