INIZIATE LE SELEZIONI DI FUORICLASSE

IL VIA AL TEATRO ALDO FABRIZI DI MORLUPO

FUORICLASSE – CONCORSO NAZIONALE PER GIOVANI TALENTI

Morlupo (RM), Teatro Aldo Fabrizi, 29 gennaio 2016Fuoriclasse 1a 1

 

Finalmente un talent show autentico, e posso dirlo con certezza avendolo vissuto dal di dentro in questa sua prima tappa, lontano dalle finzioni televisive e dai risultati già scritti cui ci hanno purtroppo abituato.

Attraverso l’associazione Scintilla, le capacità organizzative di Ivano Trau e Catiuscia Siddi e le benedizione finale di Ercole Ammiraglia, direttore artistico del Teatro Aldo Fabrizi di Morlupo, è partito il percorso che, dopo una serie di fermate intermedie, giungerà alle finali nazionali che si terranno a Norcia dal 1° al 5 settembre 2016.

Tutti gli ingredienti per una buona riuscita, a cominciare dai talenti in gara: ovviamente non possono vincere tutti, ma certifico nel modo più assoluto tutti dall’ampia sufficienza in su, segno di un’attenzione e di una professionalità fin dalle preselezioni.Fuoriclasse 1a 2

Tre discipline e tre categorie previste per tutta la durata delle eliminatorie: le discipline sono canto, ballo e musica mentre le categorie sono suddivise per fasce di età, con la fascia 6-11 che individua la Junior, la fascia 12-18 che rappresenta la Senior, e infine la 18-40 qualificata come Over.

Naturalmente grandissima la tenerezza suscitata dai più piccoli, ma davvero notevole la preparazione di tutti, ognuno nel suo numero.

Ogni serata produce tre qualificati per le finali nazionali di Norcia e altrettanti per le finali regionali, location e data ancora da definire, una per categoria. Riporto i nomi dei vincitori di questa prima serata:

FINALISTI NAZIONALI

JUNIOR: Matteo Graziani, che ha eseguito con l’organetto All’incontrè di Enzo Canali

SENIOR: Giulia Rizzo, che ha cantato Life is beautiful that way di Noa

OVER: Francesca Petrungaro, che ha cantato Io per te l’amore di Emma MarroneFuoriclasse 1a 3

FINALISTI REGIONALI:

JUNIOR: Chiara Valle, che ha cantato Tu vuo’ fa’ l’americano di Renato Carosone e Nisa, concludendo anche con una breve coreografia

SENIOR: qui c’e stato un ex aequo tra Veronica Flamini, che ha cantato Feelin’ good di Jennifer Hudson, e Maicol Imperia, che alle tastiere ha eseguito River flows in you di Yiruma

OVER: Ilaria Graziosi, che ha cantato Portati via di Mina

I finalisti regionali possono tornare in gara nel tentativo di agguantare la finale nazionale.

Riporto per onore di cronaca (e soprattutto per onore dei giovani artisti) anche gli altri concorrenti, in ordine di apparizione:

Giada Caruso, che ha cantato Arriverà l’amore di Emma

Clarissa Carta, che ha cantato Back to black di Amy Winehouse

Noemi Bellini, che ha cantato Io che amo solo te di Sergio Endrigo, nella versione però di Alessandra Amoroso

Alessandra Badulescu, la cucciola della serata, 6 anni, che in compagnia del suo cubo ha eseguito un numero di ginnastica artistica

Emanuele Capeccia, che ha cantato L’essenziale di Marco MengoniFuoriclasse 1a 4

Martina Di Rocco, che ha cantato Sono solo parole di Noemi

Silvia Taccini, che ha cantato Il lato destro del cuore di Laura Pausini

Alessio Bergo, che ha cantato 50 special dei Lunapop

Il Gruppo Doppia H, Sara e Francesca, nell’esecuzione di un pezzo hip hop

Aurora Tebaldi, che ha cantato Lascia che io sia di Nek

Sara Scognamiglio, che ha cantato Io domani di Marcella Bella

Giorgia Bonanni, che ha cantato 1.000 years di Christina Perri

Di fronte ad una giuria di esperti, alcuni dei quali con illustri curriculum, Fabrizio De Luca ha sapientemente condotto la serata e presentato i piccoli-grandi artisti, distaccato e professionale all’occorrenza, confidenziale in altri momenti, soprattutto in conclusione quando ormai era ora di saluti e ringraziamenti, ai quali personalmente mi unisco anche io, onorato dell’invito ricevuto, cantando e scherzando con tutti, un po’ come un simpatico zio di ognuno di loro.Fuoriclasse 1a 5

E’ finita in festa, ed è giusto che sia così. Non possono uscire tutti vincenti, ma in qualsiasi espressione artistica, soprattutto se si è molto giovani, l’importante è ESSERCI!

Illuminanti a tale proposito le parole conclusive di Fabrizio De Luca: spesso “L’arte non paga… ma APPAGA!”. Sempre!

Fuoriclasse 1a 6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *