Il Correggio e Il Parmigianino in mostra a Le Scuderie del Quirinale

Le Scuderie del Quirinale di Roma ospitano la mostra dedicati a due grandi maestri della pittura del Cinquecento, ovvero il Correggio ed il Parmigianino. La mostra è aperta al pubblico fino al 26 Giugno 2016.

correggio parmigianino

Roma, 11 Marzo 2016, Scuderie del Quirinale

Correggio e Parmigianino – Arte a Parma nel Cinquecento è la nuova mostra presente all’interno de Le Scuderie del Quirinale, promossa da Roma Capitale, organizzata da Azienda Speciale Palaexpo e curata da David Ekserdjian.

La mostra offre una carrellata di capolavori provenienti da diversi musei nel mondo, grazie ai quali il pubblico potrà ammirare l’arte realizzata dai due pittori che, con il loro inconfondibile tratto, hanno sviluppato una corrente artistica che al contempo ha arricchito la città di Parma, attirando a sè diversi artisti, contribuendo così al Rinascimento italiano.

Antonio Allegri, detto il Correggio (1489-1534) e Francesco Mazzola detto il Parmigianino (1503-1540) furono i due grandi promotori e contribuitori dell’arricchimento della città di Parma grazie alle lore opere.

Il percorso espositivo è diviso in dieci sale, su entrambi i piani a disposizione all’interno de Le Scuderie del Quirinale. Del Correggio sono presenti i dipinti che più lo contraddistinguono, con il tema religioso e la mitologia; tra questi dunque vi sono Madonna Barrymore, proveniente dalla National Gallery of Art, il Ritratto di dama, proveniente dal Museo Statale dell’Ermitage di San Pietroburgo, Il martirio di Qauttro Santi, proveniente dalla Galleria Nazionle di Parma, il Noli me tangere, proveniente dal Museo del Prado di Madrid, La Scuola di Amore, proveniente dalla National Gallery di Londra ed infine Danae, proveniente dalla Galleria Borghese di Roma.

schiava turca
La Schiava Turca

Del Parmigianino vedremo, oltre le opere a tema religioso e mitologico, anche diversi ritratti che hanno riscosso notevole interesse. Tra le opere presenti vi sono la grande Pala di Bardi, realizzata dall’artista all’età di sedici anni; San Rocco dipinto per la Basilica di San Petronio a Bologna, la Conversione di Saulo, proveniente dal Kunsthistorisches Museum di Vienna; la Madonna di San Zaccaria, proveniente dalla Galleria degli Uffizi di Firenze; la Schiava Turca della Galleria Nazionale di Parma e Antea, uno dei ritratti più misteriosi del Cinquecento.

I due Maestri hanno arricchito la città di Parma con svariati affreschi e dipinti, contribuendo a renderla una meta preziosa e notevolmente ricercata. Un’arte che si è fusa con la città stessa, che si è lasciata modellare dai due artisti.

bozzettoIl Correggio è sempre stato un punto di riferimento per il Parmigianino, seppur i due artisti abbiano diverse sfumature che li contraddistinguono. Il Correggio è sempre stato più emotivo nelle sue opere, donando ai suoi personaggi i sentimenti che nutrono l’uomo, dalla gioia al dolore. A volte la gioia, nelle sue opere, assume sia connotazioni religiose che sensuali; anche il dolore e l’estasi dei martiri è sono dei fortissimi sentimenti che affiorano in alcune opere.

Il Parmigianino invece lascia volutamente i protagonisti dei suoi dipinti distaccati dalle emozioni, ma le sue opere trasudano di eleganza e raffinatezza, grazie ai movimenti ed alle pose.

Il percorso espositivo permette inoltre di vedere l’evoluzione dello stile dei due Maestri del Cinquecento nel corso del tempo.
Spazio inoltre anche agli artisti e rispettive opere di straordinario talento che hanno seguito le orme dei due Maestri di Parma, ovvero Michelangelo Anselmi, Francesco Maria Rondani, Girolamo Mazzola Bedoli e Giorgio Gandini del Grano.
Arricchiscono il percorso espositivo anche diversi bozzetti e matite, disegni preparatori delle opere che hanno reso leggendari i due maestri.
Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *