Vis à Vis Flâneur

SATOSHI HIROSE - In residenza presso la Fondazione Molise Cultura.

L’associazione culturale Limiti inchiusi arte contemporanea ha presentato l’artista Satoshi Hirose, protagonista del progetto di residenza d’artista “Flâneur”.

tall E’ appunto un progetto di residenza per artisti che nasce da una costola del più noto e consolidato Vis à Vis – artists in residence project, il programma ideato dall’associazione culturale Limiti inchiusi arte contemporanea di Campobasso.

A differenza di Vis à Vis che realizza le sue residenze nei piccoli paesi molisani, Flâneur si svolge negli spazi della Fondazione Molise Cultura (Palazzo ex GIL), attualmente l’unica istituzione culturale ufficiale della regione Molise.20160505_114633

Per questa prima edizione del progetto – che prevede almeno altre due annualità – gli ideatori hanno selezionato un artista internazionale, il giapponese Satoshi Hirose.

Sostenuto dalla Fondazione Molise Cultura il progetto prevede l’ideazione e la realizzazione di un’opera d’arte ispirata al Molise che entrerà a far parte del patrimonio della Fondazione e sarà collocata negli spazi del palazzo ex GIL.Satoshi-Hirose

L’artista giapponese Satoshi Hirose risiederà a Campobasso da 2 al 23 maggio, periodo durante il quale approfondirà diversi aspetti legati al territorio utili alla realizzazione dell’opera finale. già ha visitato alcuni paesi del Molise,  da Termoli a Casacalenda, ad Ururi, per carpire tutte le sensazioni possibili dai vari paesi visitati e dalle diverse persone incontrate.

Satoshi Hirose (Tokyo, 1963), attualmente lavora tra Milano e Tokyo. Laureato alla Tama Art University di Tokyo si specializza all’Accademia di Brera di Milano; nel corso degli anni, oltre a numerose personali e collettive in gallerie e altri spazi espositivi, è stato invitato da importanti istituzioni museali tra cui: Hiroshima City Museum of Contemporary Art, Mambo (Museo d’Arte Moderna di Bologna), Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci (Prato), MCA (Museum of Contemporary Art Australia).

Hirose è un artista contemporaneo molto originale. Tra le diverse modalità espressive che spaziano dalla scultura, alla pittura all’installazione utilizza molto l’arte del riciclo creando sculture con tappi di bottiglia, o pezzi di vetro, plastica etc.untitled

Ogni cosa è indice di infinite (ed impreviste) interrelazioni: la componente materiale e spirituale dell’uomo, l’apparente stabilità e la sostanziale “impermanenza” dei fenomeni, la complementare distanza e prossimità tra il naturale e l’artificiale, il rapporto di identità seppur a scala differente tra micro e macrocosmo.

«La banale dimensione quotidiana dell’esistenza, dove si ritiene non si dia mai nulla di nuovo, è in verità un mondo pieno di stimoli. Riproducendo e rimodulando i piccoli fatti della vita di ogni giorno, ci appare la ricchezza insospettata di questa dimensione dell’esistenza umana». (Satoshi Hirose).

Curatori del progetto sono Matteo Innocenti e Silvia Valente.

?????????????

Gli obiettivi del progetto prevedono, oltre alla realizzazione dell’opera dell’artista, degli incontri con alcuni studenti della scuola superiore, nello specifico del Liceo Scientifico A. Romita per il progetto di “giornalismo” e dei laboratori con bambini della scuola primaria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *