Io sono mia. Il coraggio delle scelte delle donne

Da lunedì 12 settembre a lunedì 31 ottobre Rassegna cinematografica presso la Casa delle donne

Il corpo delle donne, strumentalizzato e abusato, continua ad essere terreno di conquista economica, politica, sociale e mediatica. Le Biblioteche di Roma patrocinano la rassegna cinematografica della Casa Internazionale delle donne.
Mentre politica e istituzioni sbandierano ambiguamente slogan a difesa delle donne, si rende di fatto inapplicabile la legge sull’aborto, si chiudono i consultori e si tagliano i fondi ai centri antiviolenza, si precarizzano le vite delle donne.

In preparazione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, le donne della Casa, promuovono il progetto IO SONO MIA partendo da uno slogan sempre attuale, che continua ad avere una forza dirompente, scomodo, emblematico, espresso per la prima volta cinquant’anni fa da una donna violentata e fatto proprio dal movimento femminista.

Partendo da questo slogan, si vuole restituire forza, energia, coraggio, consapevolezza, a tante e a tutte, continuando ad essere promotrici di una rivoluzione culturale contro il maschilismo, il patriarcato, il sessismo, le discriminazioni, le diseguaglianze, il pregiudizio, la morale. Il Progetto IO SONO MIA, inizierà a settembre e tratterà della condizione femminile e della discriminazione della donna nei diversi ambiti quali ad esempio la politica, il lavoro, lo sport, la musica, la fotografia, l’arte, la comicità, il teatro, l’architettura, la scienza, la letteratura, la pubblicità.

Il progetto si svilupperà attraverso sia delle serate evento, che vedranno la partecipazione delle donne che aderiranno all’iniziativa con la loro storia personale, con il loro contributo artistico, storico, politico, e sia attraverso una rassegna cinematografica dedicata e mirata a questi temi. Ogni incontro avrà una moderatrice ed a supporto e corredo delle testimonianze, ogni ospite potrà dare il proprio contributo attraverso materiali audio video, letture e performance. , nel cortile seicentesco e nelle sale interne.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *