La strada del ritorno è sempre più corta

la strada del ritorno è sempre più corta
Un romanzo alla ricerca delle radici famigliari, in compagnia di Ringo Starr.

la strada del ritorno è sempre più cortaTitolo: La strada del ritorno è sempre più corta
Autore: Valentina Farinaccio
Editore: Mondatori
ISBN: 9788804661740
Pagine: 216
Costo: € 18,00
Formato: 15,5 × 23,3
Legatura: brossura con alette
Pubblicazione: agosto 2016

Trama: Vera è una bambina di cinque anni che ha come migliore amico Ringo Starr. La sua estate più meravigliosa ha inizio con il viaggio in tir con suo nonno, mentre a sua insaputa si compie l’atto più straziante per una famiglia, ovvero quella del tutto. La piccola Vera cresce e da adulta scopre cosa sia successo veramente quell’estate, tra ricordi e racconti della sua famiglia e delle sue origini nel Molise.

L’estate della piccola Vera ha veramente inizio in concomitanza con quel fantastico viaggio a bordo del tir di suo nonno, imparando tutte le regole dei camionisti e della strada. Un viaggio che porta la piccola Vera e il suo amico immaginario Ringo Starr in giro per l‘Italia, per posti ignoti alla piccola molisana.

Vera è nata a Campobasso, cosí come i suoi genitori Giordano e Lia, entrambi considerati due “strani” per la cittadina di Campobasso che, per loro, è soltanto un grande paese dove “la gente mormora” e dal quale fuggire, rincorrendo le loro aspirazioni.

Lia e Giordano si incontrano e si innamorano subito l’uno dell’altra. Lei costumista, lui aspirante scrittore che lavora nella piccola libreria di Campobasso. Dal loro amore nasce Vera, la piccola che a cinque anni però perderà l’affetto del padre a causa della sua prematura scomparsa.

Soltanto quando Vera è ormai grande, con una delusione d’amore alle spalle che la lacera dentro e una
esperienza fortuita come “astrologa della tv” scopre la verità su quell’estate, cercando anche di capire chi fosse suo
padre poichè sua madre Lia ha deciso di dimenticarlo, o forse di non ricordarlo, lasciando dei lati oscuri nella vita di Vera.

Lia e Vera devono fare i conti con il loro passato attraverso le pagine di un manoscritto redatto da Giordano, il quale ricostruisce in quelle pagine non solo il travolgente amore tra lui e la moglie, ma anche la sua famiglia, in special modo della madre Santa che viene abbandonata dal padre Gesualdo, andando a vivere a Frosinone, ma libero da quella convenzione di famiglia che non lo rispecchiava più, seppur adorasse suo figlio Giordano, al quale ha trasmesso la passione per i libri.

Tra le pagine di questo romanzo d’esordio di Valentina Farinaccio, giornalista e critico musicale, si possono scorgere diversi protagonisti e punti di vista, a cominciare dal Molise stesso, una delle più piccole regioni d’Italia ancora troppo poco nota ai più ma che cela un meraviglioso (ma talvolta anche frustrante) underground da scoprire, non solo nei paesaggi ancora in parte incontaminati, ma anche per le persone stesse che vi abitano; straordinarie e creative personalità che “fuggono” dal Molise, alla ricerca non solo di uno spazio per respirare e vivere, ma anche dell’occasione della loro vita, per cambiare il loro percorso di vita, salvo poi tornare alle origini alla ricerca di chi sono e di chi saranno, tra passato e futuro.

Il romanzo è strutturato in vari capitoli ove il punto di vista della storia cambia in continuazione, rivelandone man mano la trama, esplorandone i sentimenti e le emozioni, alla ricerca di quella verità che infine emergerà.

La protagonista è affascinata da Ringo Starr, ma in generale della musica dei Beatles; una perfetta colonna sonora per le pagine di questo libro.

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *