IL CARNEFICE di Francesca Bertuzzi

il carnefice Bertuzzi

Titolo: Il carnefice

Autore: Francesca Bertuzzi

Editore: Newton Compton Editori, 2011

280 pagine

 

In uno di quei piccoli paesi della provincia italiana all’apparenza tranquilli, ma in cui il male esiste, si nutre e cresce fra le vie strette, le case decadenti e i bar semibui, sta per avere inizio l’incubo. È qui che abita Danny, una ragazza di origine africana, arrivata in Italia ancora bambina, insieme alla madre e alla sorella. Una sera, dopo aver chiuso il locale in cui lavora, Danny viene aggredita. Fa appello a tutte le forze che ha per difendersi dalla brutale violenza, finché a salvarla arriva Drug Machine, il suo datore di lavoro e l’amico più caro. Ma il peggio per lei deve ancora venire e la sta aspettando proprio sulla soglia di casa. Lì la ragazza trova uno strano messaggio che fa d’un tratto riaffiorare i dolorosi fantasmi della sua infanzia: una sorellina e una madre scomparse troppo presto e troppo in fretta, violenze subite e taciute, difficili da raccontare… Chi ha lasciato quell’angosciante messaggio e perché? Chi vuole riportarla indietro nel tempo, insinuando in lei dubbi capaci di sconvolgerle la vita? In un crescendo di colpi di scena riemergeranno, uno dopo l’altro, antichi segreti e sepolte bugie. La verità sarà la più scomoda e inquietante che si possa immaginare.

Francesca Bertuzzi è nata a Roma nel 1981. A 22 anni ha conseguito il master biennale in “Teoria e Tecnica della Narrazione” alla Scuola Holden di Torino. Successivamente ha seguito un laboratorio di regia diretto da Marco Bellocchio e Marco Müller. Negli ultimi anni si è dedicata alla scrittura cinematografica, vincendo premi e riconoscimenti internazionali con diversi cortometraggi. Al momento sta lavorando al backstage, da lei diretto e montato, del film Vallanzasca – Gli angeli del male di Michele Placido.

Romanzo molto intrigante, forse per l’ambientazione molto vicina alla realtà dei giorni nostri, e a volte fin troppo calzante.

La storia è costruita come un puzzle dove ogni pezzo ha la sua collocazione precisa, la tensione man mano che la matassa si dipana è sempre più palpabile, fino al finale forse un po’ troppo eccessivo nell’azione, ma purtroppo per alcuni risvolti, piuttosto realistico e per alcune implicazioni piuttosto scabroso.

I personaggi sono ben delineati dal punto di vista sia descrittivo che psicologico, e mentre di alcuni si capisce subito il ruolo che interpretano, di altri l’ambiguità la fa da padrone.

Niente è lasciato al caso, ogni storia che inizia all’interno della storia principale, anche se apparentemente viene accantonata dopo poche pagine perché apparentemente conclusa, in realtà viene recuperata e conclusa al momento opportuno, svelando altri particolari del disegno generale.

Nel complesso è un bel romanzo di tensione, molto ben congegnato dove ogni storia è un filo dell’ordito che si intreccia perfettamente con una trama fitta e complicata di una provincia qualunque dell’Italia attuale.

Il finale e le implicazioni dello stesso, sono come un pugno nello stomaco perché in questo romanzo niente è come sembra e tutto e tutti hanno un secondo fine, il più delle volte non esattamente  nobile, e ovviamente niente è senza prezzo.

Written By

Segni particolari: Informatica di lungo corso, cittadina di internet, residente del web. Nasce assistente al software nei primi anni 90, poi cresce come programmatore di vari linguaggi (c, cobol, Visual Basic, sql, pl1 ecc.) evolve come analista programmatore ma poi cambia rotta, ma non troppo, ricoprendo il ruolo di recruiter (di figure informatiche ovviamente, ma non solo) poi di responsabile del personale e infine di direttore del personale di una nota testata giornalistica politico/economica. Ma non si ferma qui; quasi per caso intraprende con successo la carriera di docente informatico presso importanti aziende e clienti istituzionali nel lontano 2002 e scopre di amare non solo la cattedra ma anche i fogli di calcolo e i database relazionali di cui in breve tempo ne diventa cintura nera. Consegue la certificazione ECDL e l'abilitazione di esaminatore AICA, ed esercita anche come esaminatore ecdl dal 2004. Attualmente la docenza è la sua vita, le da molte soddisfazioni a livello professionale . Materie insegnate: pacchetto office a tutti i livelli, gestione della segreteria, d.lvo 81/2008 (salute e sicurezza). insomma, informatica di lungo corso, amante dei libri dei viaggi degli animali e della birra; attualmente docente transumante con la speranza forse utopica di trovare un pascolo fisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *