Elle

elle
Forte e imperturbabile.

elle

DATA USCITA: 23 marzo 2017
GENERE: Drammatico, Thriller
ANNO: 2016
REGIA: Paul Verhoeven
ATTORI: Isabelle Huppert, Christian Berkel, Anne Consigny, Virginie Efira, Charles Berling, Laurent Lafitte, Vimala Pons, Jonas Bloquet
SCENEGGIATURA: David Birke
FOTOGRAFIA: Stéphane Fontaine
MONTAGGIO: Job ter Burg
MUSICHE: Anne Dudley
PRODUZIONE: SBS Productions, SBS FILMS, Twenty Twenty Vision Filmproduktion
DISTRIBUZIONE: Lucky Red
PAESE: Francia, Germania, Belgio
DURATA: 130 Min

Michèle è una donna di successo, una donna indipendente, ha una bella casa in una zona residenziale molto curata e tranquilla e vive con un gatto curioso.

Michèle tiene tutto sotto controllo, sia nel lavoro che nella vita sentimentale. Ha un figlio che sta per diventare padre, un ex marito che ancora la cerca per consigli in ambito lavorativo, una madre anziana ma ancora in cerca della felicità con il suo nuovo giovane fidanzato, ed infine il suo lavoro nella grande azienda di videogiochi che gestisce le ruba molto tempo.

Qualcosa del passato di Michèle torna però a galla. Un passato torbido e misterioso che la fa piombare di nuovo alla sua infanzia, dove Michèle era in balia del padre, senza alcun controllo sulla propria vita. Ma non solo. Michèle viene aggredita nella sua casa, ma quell’episodio sembra non turbarla molto. Anzi.

Quando finalmente Michèle racconta dell’accaduto ai suoi amici più intimi, non accenna minimamente a un cedimento psicologico, anzi. E non è neanche intenzionata a spogere denuncia, in quanto non vuole assolutamente il coinvolgimento della polizia nella sua vita. Di nuovo.

Michèle è però del tutto intenzionata a scoprire chi è quell’essere violento e quando lo scopre crea una sorta di gioco sadico – masochistico, sicuramente non sano, nel quale si mescolano sentimenti e pulsioni.

Ma non è l’unico rapporto non sano delle vicende dei protagonisti che, man mano, vengono svelati, senza più segreti e bugie. Trame e bugie che diventano grottesche e surreali a tratti, ma altrettanto insostenibili per la protagonista che decide di dare un taglio a quel rapporto con il suo aguzzino, fino al tragico epilogo.

Michèle nel frattempo deve anche dover fare i conti col suo passato e recuperare al contempo il rapporto con il figlio e il suo nipotino appena nato. Ma nulla sembra sconvolgere questa donna, diventando un simbolo forte che non si piega alle avversità della vita e che anzi, piega la vita alle sue volontà.

Un film drammatico, con venature thriller, ma anche con alcune scene divertenti che si alternano a quelle cupe e di tensione, un racconto che mette a nudo le debolezze dei protagonisti, ma anche la forza di non cedere mai alle avversità e continuare a vivere. Sfaccettature e velature dell’essere umano che vengono evidenziati nelle loro fragilità.

Acclamato dalla critica e dal pubblico del Festival di Cannes, Elle ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui il Golden Globe per il Miglior Film straniero e la Migliore attrice protagonista e il César per il Miglior Film e la Migliore attrice protagonista.

Per questa interpretazione Isabelle Huppert ha ottenuto, inoltre, la candidatura agli Oscar come Migliore attrice protagonista.

 

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *