LIFE – NON OLTREPASSARE IL LIMITE

Eterno dilemma: c'è vita nello spazio?

LIFE – NON OLTREPASSARE IL LIMITE

Regia Daniel Espinosa

Con Ryan Reynolds, Jake Gyllenhall, Rebecca Ferguson, Ariyon Bakare, Hiroyuki Sanada, Alexandre Nguyen, Olga Dihovichnaya

Fantascienza, durata 103 minuti, U.S.A., uscita 23 marzo 2017Life1

 

Insomma c’è vita nello spazio? E soprattutto su Marte, oggetto di grandissime attenzioni umane negli ultimi anni?

Secondo quanto immaginato in questo film si, perchè una delegazione scientifica sta tornando proprio da Marte con dei campioni di materiale organico “dormiente”.

Purtroppo, per lodevoli obiettivi scientifici, il biologo Hugh Derry (Ariyon Bakare) ha la malaugurata idea di “risvegliarlo”. Inizialmente sembra solo un piccolo filamento, poi un’alga, un polipetto innocuo, ma poi cresce e si  mostra per niente cordiale, anche se, come ribadito più volte dagli interpreti nel film e come a volersene giustificare, non per odio gratuito ma solo per puro istinto di sopravvivenza, cioè la sua a scapito di quella dell’equipaggio.

Così l’adrenalina scorre soprattutto all’interno dell’astronave piuttosto che all’esterno, e forse qui sta una piccola pecca di questo film per gli amanti, come il sottoscritto, delle immagini più affascinanti dell’universo, perchè la battaglia tra le due specie si consuma in linea di massima nell’astronave, dopo che l’entità marziana si è liberata della “prigionia” inflittagli dagli umani.

L’essere non solo è ostile per necessità di sopravvivenza, ma è anche un osso duro come avversario, perchè è Life2molto forte e molto intelligente. Nonostante l’aspetto ben diverso, rintracciabili vari riferimenti ad Alien.

L’equipaggio, e a poco a poco quel che ne resta, stabilisce così, a scapito di se stesso, la priorità: impedire che un nemico del genere raggiunga la Terra, soprattutto nel caso sia anche in grado di riprodursi, anche perchè le vicende della lotta non sono affatto alterne, ma tutte a favore dell’essere sconosciuto, che spunta gli avversari umani dalla sua checklist uno ad uno con relativa facilità.

Il film lentamente vira dal genere fantascienza al thriller, quasi giallo, perchè Calvin, questo il nome appioppato all’essere immondo in tempi non sospetti, si diverte anche a giocare a nascondino sull’astronave e fuori, per poi ricomparire con l’unico scopo di nutrirsi e sopravvivere.Life3

Il progetto del suo allontanamento dal nostro pianeta ha un epilogo imprevisto che ovviamente vi consiglio di vedere da voi, valutando le singole interpretazioni tutte buone, pur senza far gridare al capolavoro, e si chiude perfino in “canzonella” con una sigla finale affidata a Spirit in the sky…

Roberta Pandolfi

Written By

Segni particolari: Informatica di lungo corso, cittadina di internet, residente del web. Nasce assistente al software nei primi anni 90, poi cresce come programmatore di vari linguaggi (c, cobol, Visual Basic, sql, pl1 ecc.) evolve come analista programmatore ma poi cambia rotta, ma non troppo, ricoprendo il ruolo di recruiter (di figure informatiche ovviamente, ma non solo) poi di responsabile del personale e infine di direttore del personale di una nota testata giornalistica politico/economica. Ma non si ferma qui; quasi per caso intraprende con successo la carriera di docente informatico presso importanti aziende e clienti istituzionali nel lontano 2002 e scopre di amare non solo la cattedra ma anche i fogli di calcolo e i database relazionali di cui in breve tempo ne diventa cintura nera. Consegue la certificazione ECDL e l'abilitazione di esaminatore AICA, ed esercita anche come esaminatore ecdl dal 2004. Attualmente la docenza è la sua vita, le da molte soddisfazioni a livello professionale . Materie insegnate: pacchetto office a tutti i livelli, gestione della segreteria, d.lvo 81/2008 (salute e sicurezza). insomma, informatica di lungo corso, amante dei libri dei viaggi degli animali e della birra; attualmente docente transumante con la speranza forse utopica di trovare un pascolo fisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *