LE FAVOLE DI LA FONTAINE ALLA SALA ROMATEATRI

Nell'ironico adattamento di Lodovico Bellè

FavoletteLE FAVOLE DI LA FONTAINE

Adattamento e regia Lodovico Bellè

Con Elisabetta Di Giambattista e Alessandro Tozzi

Musica dal vivo Giorgio Sorani

Regia audio e luci Maurizio Agostini

Costumi Elisabetta di Giambattista e Giorgio Sorani

Foto Sara Di Carlo

Roma, Sala RomaTeatri, 28 aprile 2017

 

Lodo1Un altro colpo grosso messo a segno dalla Sala RomaTeatri, stavolta a beneficio dei più piccoli, con uno spettacolo che però non rischierebbe mai di annoiare neanche gli adulti.

Infatti nella rivisitazione di Lodovico Bellè domina l’ironia e lo sfottò, pur senza naturalmente mai esagerare o scadere in volgarità, e lo spettacolo si fa apprezzare anche dai più grandi.

Alla fine contiamo undici favolette raccontate in brevi sketch di tre o quattro minuti, concluse sempre con la morale d’obbligo, che spesso presenta una controrisposta ironica da parte di uno dei due interpreti, egregiamente accompagnati dalle musiche di Giorgio Sorani, puntuali, sontuose dove occorre, dolciotte in altri passaggi.Lodo2

Uno spettacolo altamente educativo per gli insegnamenti forniti, divertente in qualche modo per tutti anche grazie all’abile interpretazione dei due, comici a cominciare da quelli che più che veri e propri costumi sono tratti distintivi dei singoli personaggi in scena, spesso animali, ideati ed assemblati dalla stessa Elisabetta Di Giambattista e da Giorgio Sorani; curioso vedere un uomo di una certa stazza come Alessandro Tozzi nei panni di una cicala o di una donnola, eppure funziona! Oppure vedere i dispettucci che Elisabetta Di Giambattista, ora un animale ora un altro, organizza ai suoi danni, mentre la mente dell’operazione Lodovico Bellè fa da voce narrante fuori campo con toni neutrali ma comunque mai banali.

Lodo3Lo spettacolo è arricchito da alcuni video mandati su un display luminoso: lo stesso Bellè, vestito da La Fontaine, introduce la serata spiegandone il contenuto, poi, tra una favoletta e l’altra, gli stessi due interpreti si cimentano in brevi canzoncine, anche queste prodotte dalla fantasia di Lodovico Bellè, che rinforzano la morale della favola appena conclusa. La stessa scenografia, estremamente semplice e interamente di cartone, attrezzata in proprio da Bellè, Di Giambattista e Sorani, dà il suo contributo alla festa, senza mai perdere di vista lo scopo educativo dello spettacolo, quello cioè di educare divertendo e mai rimbrottando.

Tenete d’occhio questi quattro individui e portate i vostri bambini alle prossime occasioni, ne usciranno divertiti e arricchiti dentro!

Massimiliano Pellegrino

Lodo4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *