Gli sdraiati

Gli sdraiati
Dal 23 novembre al cinema.

Gli sdraiati

DATA USCITA: 23 novembre 2017
GENERE: Commedia
ANNO: 2017
REGIA: Francesca Archibugi
ATTORI: Claudio Bisio, Gaddo Bacchini, Cochi Ponzoni, Antonia Truppo, Gigio Alberti, Barbara Ronchi, Carla Chiarelli, Federica Fracassi, Sandra Ceccarelli, Giancarlo Dettori, Ilaria Brusadelli, Matteo Oscar Giuggioli, Donatella Finocchiaro
PAESE: Italia
DURATA: 103 Min
DISTRIBUZIONE: Lucky Red

Giorgio Selva (Claudio Bisio) è un padre separato con un figlio adolescente, Tito (Gaddo Bacchini).

Tito ha diciassette anni ed è in quell’età in cui sta per diventare un adulto, ma è ancora considerato un bambino. Un’età certamente difficile che va a scontrarsi sia nell’ambito famigliare che in quello della comitiva di amici.

Turbolento, a volte sfacciato, a volte iroso, a volte fragile. Tito è come tutti gli adolescenti, ma pare che Giorgio non abbia le chiavi giuste per poter aprire quel forziere che Tito ha costruito intorno a sè.

Giorgio è un noto presentatore televisivo e come tale la sua fama talvolta sembra travolgerlo e rimediargli anche qualche spiacevole situazione; Tito è un anticonformista, un “ribelle“, come lo sono tutti i figli a quell’età.

Dall’altra parte c’è anche una madre (Livia), un po’ misteriosa e riservata, che evita a tutti i costi il suo ex marito (Sandra Ceccarelli); ci sono poi gli amici di Tito, irriverenti, sin troppo spigliati, casinisti come non mai, ma sostanzialmente dei bravi ragazzi. Non c’è modo di separarli. C’è poi il nonno Pinin Innocenti (Cochi Ponzoni), la mascotte degli amici di Tito, una figura che media tra Giorgio e la sua ex moglie Livia.

Un bel giorno però arriva a scombussolare la vita di tutti Alice (Ilaria Brusadelli) una coetanea di Tito, figlia di una vecchia conoscenza di Giorgio, ovvero Rosalba (Antonia Truppo), sua ex collaboratrice domestica di cui aveva perso le tracce svariati anni fa, improvvisamente.

C’è un tarlo che assilla Giorgio e che non gli fa vedere di buon occhio la relazione che nasce tra Tito e Alice. E’ comunque un amore che sboccia e che in qualche modo altera gli equilibri (già precari) di Tito e della sua famiglia, nonchè dei suoi amici.

Un “mistero” che sarà svelato verso la conclusione del film, ma che forse vi condurrà a vedere con altri occhi la posizione di un padre, che si sente sempre più emarginato e solo, ignaro di ciò che passa per la testa del proprio figlio; o la condizione misteriosa di una madre, che cerca in qualche modo di ricostruirsi una vita, cosa che difficilmente riesce all’ex compagno. Ma vi è anche il rapporto di Tito con gli amici, con la fidanzatina e con un mondo ancora da esplorare, un mondo che talvolta riserva anche misteri che arrivano dal passato. Un passato che talvolta si vorrebbe soltanto dimenticare.

Una pellicola piena di spunti di riflessioni, ove padre e figlio sicuramente sapranno identificarsi piuttosto facilmente. Un film ove il figlio cerca di scrollare di dosso al padre quella rigidità che lo ha reso immutabile nel tempo e forse più vecchio del dovuto, mentre il padre cerca in qualche modo di responsabilizzare il figlio, una fatica da affrontare per diventare finalmente adulti.

Convincente l’interpretazione di Claudio Bisio che si cala perfettamente nei panni di un padre che cerca tutto sommato di stare al passo coi tempi, seppur talvolta sia davvero faticoso entrare nella testa degli adolescenti. Un ritratto attualissimo e veritiero della nuova generazione, fatta di tanti ideali, sogni, ma anche tante incertezze e fragilità. Una nuova generazione che chiede soltanto di vivere il proprio momento, così da poter trovare uno spazio nel mondo.

Un film dove si ride anche, grazie ad alcune convincenti battute che rendono il clima meno teso tra i protagonisti.

Gli sdraiati” è tratto dall’omonimo libro di Michele Serra, edito per Feltrinelli Editore.

Written By

Giornalista. In special modo seguo mostre di artisti contemporanei, spettacoli teatrali, anteprime cinematografiche e tutto ciò che mi incuriosisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *