Una (magica) giornata a Gardaland

Anche quest’anno il parco si è rinnovato non deludendo le aspettative dei visitatori!

 

Abbiamo visitato questo parco di giovedì, forse perché era un giorno infrasettimanale, e la fila alle attrazioni non era tanta (per fortuna!, aggiungo). Sicuramente il fine settimana il parco si animerà di più, soprattutto dopo la fine dei vari esami scolastici.

A breve tutti i ragazzi, e le famiglie, si riverseranno in questo parco per trascorrere una giornata all’insegna dell’allegria, dell’adrenalina, delle risate e, perché no, anche all’insegna della paura, viste le varie “montagne russe” presenti. Fa veramente impressione vedere Oblivion – The black hole, sul quale, personalmente, non sono salita.

In un giorno non si può fare tutto, visitare tutto il parco e vedere tutti gli spettacoli, ma sono stata fortunata, con la poca fila ho potuto “provare” quasi tutte le attrazioni e vedere tutti gli spettacoli. Il parco però non l’ho visitato tutto, ma ci tornerò sicuramente!

Gardaland è adatto alle persone di tutte le età: è ben diviso in settori e, tra le tante novità, quest’anno, c’è una intera area dedicata ai bambini che ha come protagonista Peppa Pig. Ci sono delle giostrine come un trenino, le mongolfiere, c’è la casa di Peppa Pig nella quale devi cercare gli ingredienti per un pic nic (molto, molto semplice ma se si ha necessità di fresco lì dentro si sta benissimo!), ed altro a tema della maialina più famosa della TV.

 

Per quelli che vogliono dimostrare la loro forza, nell’area Kung Fu Panda, c’è un’attrazione dove devi rimanere appeso, con la sola forza delle braccia, per almeno 2 minuti, sembra facile, ma lo sembra solamente!

Lì puoi incontrare i vari palestrati d’Italia convinti di riuscirci al primo colpo che resistono, sì e no, 1 minuto e mezzo quando va bene. E’ divertente vedere anche questo, infatti si crea sempre un capanello di gente che si diverte, scommette sulla riuscita o meno dell’amico, ed applaude quando qualcuno riesce a superare i 2 minuti.

 

Ci sono anche vari chioschetti, a pagamento, dove provare a vincere un pallone gigante peloso con faccina, o un mega pupazzo, o enormi cuscini a forma di donuts, anche questi sembrano facili a farsi, ma non è così, comunque è divertente provarci.

 

Poi, ovviamente, ci sono le “giostre”: montagne russe con doppio giro della morte, Mammut, I Corsari, Fuga da Atlantide, JungleRapids, questi ultimi sono in acqua, ma ci si bagna poco, se proprio vuoi farti una doccia, a parte il piazzale con le “fontanelle dal basso”,

c’è Colorado Boat, una doccia rinfrescante utile in questi giorni di caldo!

Passando in prossimità delle varie attrazione adrenaliniche rimbombano urla di terrore mescolate a tante risate.

Non possiamo non parlare anche del nuovo film in 4 D che è da vedere: San Andreas 4 D experience. Spezzoni del film San Andreas fanno vivere alcuni momenti di un ipotetico terremoto, anche se, personalmente, ne ho sentiti abbastanza di terremoti in Molise da non impressionarmi più di tanto per gli effetti 4 D che, per inciso, sono veramente ben fatti e da non perdere, infatti lo sconsiglio a chi è sensibile e potrebbe avere incubi notturni.

Le attrazioni sono tutte belle, anche gli spettacoli che vengono rappresentati in vari punti del parco e adatti a tutti le età risultano essere molti carini e, tra questi, ci sono gli spettacoli “novità 2018” : 5 Elements e Gardaland on Broadway, di questi dire strabilianti è un eufemismo.

5 Elements sembra un piccolo Cirque Du Soleil, molto ben curato, acrobati impeccabili, ballerini perfetti, costumi meravigliosi, effetti speciali fantastici, voce narrante coinvolgente, tutto, tutto molto commovente per la sua bellezza.

La tecnologia sempre più all’avanguardia rende gli spettacoli più realistici come accade anche qui: il videomapping, lo stesso utilizzato nel restyling dell’attrazione “I Corsari”, ha permesso di riprodurre i 5 elementi (acqua, aria, terra, fuoco e luce) senza dover cambiare ogni volta scenografia il che rende lo spettacolo ancora più coinvolgente, senza tante pause.

I numeri acrobatici, per quanto possano sembrare banali, o semplici, fanno venire la pelle d’oca.

Oltre a questo spettacolo c’è anche Gardaland On Broadway dove ho ritrovato 2 facce conosciute in Abruzzo: Jessica Lorusso e Luca Pozzar, i cantanti protagonisti di questo magnifico show che è un medley di vari musicals. In questo spettacolo vengono messi in scena i successi più conosciuti dei musicals di Broadway, quali Mamma mia, Sister Act, Grease, Mouline Rouge etc.

Brillantini, costumi coloratissimi, canzoni travolgenti tutte cantate dal vivo rendono questo show uno show veramente da non perdere, anzi, da vedere e rivedere.

Coreografie e scenografie incredibili.

Inoltre, dal 17 giugno al 9 settembre, Gardaland diventa “Gardaland Night is Magic” che prevede la chiusura del parco alle 23 e, poco prima della chiusura, c’è un nuovo show, #generazionegardaland, dove i protagonisti sono le persone del pubblico. L’avvento dei social ha fatto sì che ormai i giovani, ma anche i meno giovani, sono sempre pronti a postare qualunque azione compiano, foto di luoghi o altro sui vari social e lo spettacolo #generazionegardaland dà proprio la possibilità di rivedersi in qualche momento della giornata: proprio postando una foto su instagram a Gardaland con l’hastag “#generazionegardaland” si ha la possibilità di rivedersi sul maxi schermo durante lo spettacolo finale che vede sul palco ballerini danzare coreografie di musiche più famose del momento coinvolgendo così il pubblico fino al gran finale: i fuochi d’artificio!

 

E poi, non può mancare Prezzemolo, la mascotte di Gardaland che, oltre a sentirlo cantare ad orari prestabiliti, si aggira per il parco dispensando baci e abbracci a tutti e rendendosi disponibile per i vari selfie.

La cosa positiva delle attrazioni è che, visto il caldo torrido, andare a forte velocità, ma anche a bassa velocità, dà una sensazione di sollievo e diventa piacevole fare anche quelle giostre sulle quali non saresti mai andata.

 

E, per gli amanti della natura, con qualche euro in più, c’è la possibilità di vedere Sea Life, un acquario con più di 5000 creature marine, tunnel oceanico ed altro.

 

Insomma, un parco dove si può decidere se rimanere, o diventare, grandi e amanti dell’adrenalina, o tornare piccoli e vivere tutti gli spazi ed attrazioni colorate proprio dei più piccoli.

 

Bisogna andarci!

C’è da armarsi di tanta pazienza, di scarpe comode e …di tanta voglia di divertirsi!!!

 

 

Ringrazio lo Studio Nazari per l’ospitalità, in particolare ringrazio Sara per la disponibilità e gentilezza che ha mostrato nei nostri confronti.

 

Le foto dell’articolo sono state concesse dallo Studio Nazari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *