I GRANDI STILISTI DI ALTAROMA

A Cinecittà 4 giorni bollenti per la moda internazionale

Foto Giovanni Trinchese

Dal 28 Giugno al 1° luglio si è tenuta la manifestazione di alta moda #Altaroma, che si è svolta prevalentemente negli studi di Cinecittà, (ex Istituto Luce) con la splendida cornice di Roma completamente ricostruita e ambientata nel periodo della “Hollywood sul Tevere” degli anni 50, dove giovani stilisti di quell’epoca acquisirono visibilità internazionale, grazie alle grandi dive americane che frequentavano gli Atelier Romani delle Sorelle Fontana, di Fernanda Gattinoni, di Roberto Capucci. Oggi come allora viene data l’opportunità a giovani talenti, a couturier romani e non che con le loro sfilate hanno dato vita ad un fashion show di alto prestigio sotto tutti i punti di vista.

Il programma è stato suddiviso in tre sezioni:
Fashion Hub:
dedicato a scouting, formazione e promozione della creatività emergente.
Atelier:
contenitore di sfilate e presentazione di maison di couture, neo – couture, piccole sartorie ed artigianalità.
In Town:
destinato alle attività connesse alla moda, durante la manifestazione, per sviluppare occasioni di promozioni ed instaurare contatti utili al proprio business in città.

C’è stata grande attesa per la quattordicesima edizione di “Who Is One Next?” realizzata da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia, dedicato ai giovani talenti della moda e considerato a livello mondiale tra le piattaforme più autorevoli e creative.

Hanno presentato le loro collezioni e sono risultati finalisti di questa edizione:
Angela Ami
Cancellato
Leo Studio Design
MRZ
MTF Maria Turri
Per gli accessori:
Delirius Eyewere
Maissa
Manfredi Manara
Woobag.

“Who Is The Next?” è un laboratorio di creazioni Made in Italy. È un trampolino di lancio internazionale che consolida il ruolo di Roma in questo importantissimo step.
Da questo vivaio, molti degli stilisti che hanno partecipato alle scorse edizioni e che ora sono avviati ad un sempre crescente successo, hanno portato in passerella le loro creazioni, fra questi: Edithmarcel, Marianna Cimini, MiaHatami, Moimultiple, Soocha.

lla stessa manifestazione è stata presentata la seconda edizione del progetto “Showcase”, promosso da Altaroma e da ICE – Agenzia, attraverso un bando pubblico che permette di partecipare gratuitamente alla presentazione del proprio brand all’interno di uno spazio espositivo, in modo da favorire contatti più diretti tra designer/stilisti e buyer nazionali ed internazionali.

Il “Portugal Fashion” è una partnership che consolida il ruolo di Roma come osservatorio di fermento culturale e creativo del mondo. “BLOOM ” è un progetto di “Portugal Fashion” che ha la funzione di patrocinare i talenti emergenti della moda portoghese. Ne è nata una sfilata collettiva di designer portoghesi che sono:
Daniela Pereira( menswear )
Joana Braga  (Womenswear )
Nycole ( menswear )
Maria Meira ( Womenswear )
Mara Flora ( Womenswear )
Queste ultime due sono le vincitrici del “Bloom Contest 2018”.

Marzia Bortolotti

Daniela Pereira giovane stilista classe 1994, ha ispirato la sua collezione ” PINA” che rappresenta la danza ed il teatro, alla ballerina e coreografa Pina Bausch. Fu una delle maggiori esponenti della danza contemporanea. I modelli  in passerella per Altaroma  hanno come caratteristica i volumi ed i colori che nel teatro/danza ne rappresentano il mood e maggiormente hanno colpito la designer come in “Orpheus ed Eurydice “, “Muller Coffee”, ” Carnations”, ” The Springsteen Prize”.

 

Joana Braga giovane stilista classe 1996, con un curriculum alle spalle già di grande onore, ha realizzato per il Portugal Fashion di Altaroma una collezione ispirata al linguaggio ed al mood del film dell’1967 di Eric Rohmer “La Collectionneuse” ambientato in una calda estate sulla riviera francese. I pezzi della sua collezione sono ispirati a i costumi da bagno degli anni 60, in alcuni modelli oversize rilassati e fluenti con spalle scivolate e sciatte a voler interpretare l’idea della noia nei giorni lunghi dell’estate come nel film.

 

Mara Flora è un brand di abbigliamento di Lisbona e creato dall’omonima stilista. La collezione che ha presentato nel contenitore “Portugal” nell’edizione di Altaroma estate 2018 si ispira ad un film “Il libro cuscino”, che è stato girato negli anni 90 ad Hong Kong. I paradossi sono alleati: carenza ed abbondanza si sposano in passarella,  vizi ed indulgenze, Est ed Ovest.

 

La Collezione di Maria Meira e’ ispirata a Shari Langen,  un’artista che trasforma il corpo umano in modo performative ed intuitivo ed utilizzando materiali diversi e particolari . Il concetto principale della collezione e’ il corpo femminile, la designer crea pezzi leggeri,trasparenti, eterei,  in modo da trasmettere purezza.

 

Nycole e’ un brand di abbigliamento maschile basato a Oporto ed ispirato ad uomo classico e sportivo. Per la collezione presentata ad Altaroma  “Whole Lotta Love” , la stilista si è ispirata agli anni 70, in particolare a due filoni: le divise della squadra di baseball e la rock band psichedelica Led Zeppelin. La silhouette è oversize, con sovrapposizioni,  l’estetica risente molto dell’influenza dei Zeppelin per i colori con nuance calde e maglie, che conferiscono al tutto un look molto vintage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *