X MAN – L’INIZIO

 

REGIA: Matthew Vaughn

SCENEGGIATURA: Ashley Miller, Zack Stentz, Jane Goldman, Matthew Vaughn

ATTORI: James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Kevin Bacon, Rose Byrne, January Jones, Nicholas Hoult, Edi Gathegi, Lucas Till, Alex Gonzalez, Morgan Lily, Jason Flemyng, Caleb Landry Jones, Oliver Platt, Corey Johnson, Glenn Morshower,

GENERE: Azione, Fantascienza, Avventura

DURATA: 132 Min

Antefatto dell’ormai celebre saga degli X-MAN tratta dall’omonimo fumetto della Marvel; il film inizia con immagini tratte dagli anni ’60, dai primi voli spaziali, alla guerra fredda passando per JFK (interessanti i filmati di repertorio che si vedono all’inizio del film per meglio inquadrare il contesto storico), il film per racconta la storia di due amici (Charles Xavier e Erik Lensherr) che scoprono di essere mutanti e di avere quindi dei poteri straordinari; i due amici decidono di unirsi ad altri mutanti per affrontare la più grande minaccia che il mondo abbia affrontato (la minaccia di una guerra tra USA e URSS); purtroppo però a causa di dissidi all’interno del gruppo dei mutanti i due amici si dividono dando vita a due contrapposte fazioni di mutanti, una capitanata dal Professor X e l’altra da Magneto: e fu così che il mondo scoprì l’esistenza dei mutanti.

In questo film gli effetti speciali hanno un notevole peso scenografico, i dialoghi non sono particolarmente ricercati e la storia è piuttosto lineare: in sostanza una fazione di mutanti cerca di sopraffare l’altra, utilizzando tutte le armi a disposizione.

Gustose le scene in cui ogni mutante impara a gestire i propri poteri attraverso la concentrazione, per poi confrontarsi con la comunità, sperimentazioni a volte un po’ disastrose e “monellesche”ma divertenti; calzante la definizione di concentrazione data dal mutante Xavier per cui la concentrazione è un giusto equilibrio di rabbia e serenità.

Gustose anche le scene tragicomiche quali la rivelazione di ogni mutante alla comunità di mutanti mostrando i propri poteri: dall’invisibilità alla forza sovrumana, al mostrare le proprie fattezze senza artifici, al poter assumere qualunque sembianza, al potersi tramutare in diamante ecc.; e la non accettazione di se, come il mutante poi chiamato Bestia, non tanto per la sua forza e la sua “quadrumenità”, quanto per l’esito dell’esperimento di iniettarsi un siero derivato da un’altra mutante che ha la capacità di nascondere le proprie fattezze (pelle blu e squame) dietro un’apparenza femminile molto avvenente, ma diventare a sua volta un gigante peloso con la pelle blu, pur rimanendo sempre quadrumane.

Film ben costruito e ben realizzato che riprende lo stile e la qualità dei primi due episodi della saga, aggiungendo un pizzico di humor adolescenziale e il concetto di conflitto (tra i mutanti, tra gli umani, tra superpotenze ecc.). Unico neo: senza aver visto gli episodi precedenti, questo prologo risulta piuttosto indigesto e incomprensibile.

Per amanti del genere azione-mitologico-fumettistico.

More from Roberta Pandolfi

LE BELVE, LO SONO PER DAVVERO LA SOLITA AUDACIA DI OLIVER STONE

  LE BELVE Regia Oliver Stone Con Aaron Johnson, Taylor Kitsch, Blake...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.