AFTERHOURS AL TEATRO TENDASTRISCE

UNICA DATA ROMANA DEL CLUB TOUR 2013 PER LA BAND MILANESE DI MANUEL AGNELLI

Manuel Agnelli: voce e chitarra; Giorgio Prette: batteria; Giorgio Ciccarelli: chitarra; Xabier Iriondo: chitarra; Rodrigo D’Erasmo: violino; Roberto Dellera: basso.

Roma, Teatro Tendastrisce, 22 marzo 2013

Rock esplosivo, energia e passione musicale nell’unica data romana del Club Tour 2013 per Manuel Agnelli e soci, che si sono esibiti al Teatro Tendastrisce, location scelta personalmente dalla band in quanto storico tempio del rock sin dagli anni ’70. Dopo i numerosi riconoscimenti raccolti con il loro ultimo album “Padania” (dalla Targa Tenco come “Album dell’Anno” al Premio della Critica di Musica & Dischi, dal Premio P.I.M.I. come “Gruppo” dell’anno alla Targa Indie Music Like,  senza dimenticare il riconoscimento come Artista dell’anno al Premio della Musica Indipendente Italiana), il 2013 è per gli Afterhours un anno da dedicare ai live, grazie alla simbiosi con il pubblico e alla capacità di sprigionare performance dal vivo davvero coinvolgenti.

La band confeziona un gran live, quasi due ore di concerto tirate in cui Manuel Agnelli, leader e padrone del palco, svaria da prodigiose venature hard rock a fulminei momenti d’intimità, come nello stile Afterhours e come sintetizzato anche nel loro ultimo lavoro discografico. La band è completamente vestita di bianco (tranne  Ciccarelli, completo avana…un segnale di distacco?), il locale è pieno e il pubblico ansioso: si inizia subito con “Iceberg”, “Padania” e “Terra di nessuno”.  La band riesce a far digerire al suo pubblico queste nuove canzoni, difficili al primo ascolto, ma che si rivelano decisamente azzeccate dal vivo, grazie al coraggio di Agnelli&soci, che approfittano del successo per migliorarsi e non per adagiarsi su una carriera ormai consolidata.

Per i fan di lunga data, l’atmosfera si scalda con pezzi quali “Rapace” e soprattutto “Male di miele”, che coinvolge un po’ tutti, quelli sul palco e ai piedi di esso, in cui Iriondo può sfogare la sua potenza di riff e la sua fantasiosa chitarra. La scaletta continua a pescare da “Hai paura del buio” (Punto G, 1.9.96., Veleno), il disco fresco di riconoscimento come miglior album indipendente degli ultimi vent’anni, e i fan non possono non apprezzare. Gli Afterhours dimostrano tutti di essere ottimi polistrumentisti (Iriondo passa dalla chitarra alla tromba, D’Erasmo dal violino alle chitarre e alle tastiere, Agnelli alterna chitarre e tastiere) e deliziano il pubblico con “Il sangue di Giuda” e “Vedova Bianca”. Agnelli concede persino il canto del ritornello al pubblico (in molti concerti questa cosa lo infastidiva non poco), mentre in chiusura, dopo varie uscite e rientri sul palco, vanno in scena le immancabili quanto belle “Bye Bye Bombay”, “Voglio una pelle splendida” e “Quello che non c’è”, ennesima dimostrazione di come gli Afterhours abbiano scritto alcune delle ballate rock più belle della recente musica italiana.

Ormai il repertorio e la storia degli Afterhours sono talmente vasti che è difficile accontentare il pubblico che chiede continuamente canzoni piuttosto che altre, quello che è certo è che il gruppo riesce ad emozionare e coinvolgere persone di diverse fasce d’età, grazie anche a una raggiunta maturità artistica e intellettuale ben visibile in “Padania”, un disco difficile, che parla di realtà frammentate e di spersonalizzazione dell’individuo, rendendo bene il senso di smarrimento e la perdita di riferimenti. Un titolo che vuole essere volutamente provocatorio perché – come dichiarato da Manuel Agnelli – “usa una terra che non esiste per parlare di una condizione interna, esistenziale dell’individuo”.

More from Massimiliano Pellegrino

SE  CHIUDO GLI OCCHI NON SONO PIU’ QUI

LO SGUARDO DI UN “NUOVO ITALIANO” SULLA REALTA' CHE LO CIRCONDA
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.