G.I. JOE

 

GENERE: Azione, Avventura

REGIA: Jon Chu

SCENEGGIATURA: Rhett Reese, Paul Wernick

ATTORI: Channing Tatum, Bruce Willis, DwayneJohnson, Ray Stevenson, Adrianne Palicki, Ray 

Park, Jonathan Pryce, Arnold Vosloo, Elodie Yung, D.J. Cotrona, Lee Byung-hun

FOTOGRAFIA: Stephen F. indon

MONTAGGIO: Roger Barton, Jim May

PRODUZIONE: Hasbro

DISTRIBUZIONE:    Universal Pictures

PAESE: USA 2013

DURATA: 110 Min

TRAMA: Per l’operaio Douglas Quaid, nonostante una moglie bellissima che ama, i viaggi mentali offerti dalla Rekall sono la vacanza sogno per sfuggire alle tante

frustrazioni della sua quotidianità. Le memorie di una super spia sarebbero proprio quel che fa al caso suo. Quando però la procedura cui si sottopone va in tilt, Quaid si ritrova ad essere un uomo braccato, in fuga dalla polizia controllata dal Cancelliere, leader del Mondo Libero. Finirà assieme a una ribelle, in cerca del capo della Resistenza e del modo di fermare il Cancelliere. Progressivamente, la distinzione tra realtà e fantasia diverrà sempre più impalpabile.

Film dall’impronta fumettistica, con moltissima (troppa) azione e dispiego di forza fisica. La storia piuttosto banale: il mondo è in pericolo perché un impostore ha preso il posto del Presidente degli Stati Uniti e ovviamente vuole conquistare il mondo obbligando le principali potenze mondiali al disarmo nucleare; nessuno si accorge di niente tranne tre uomini ovviamente intrepidi che percepiscono il pericolo, e per avere qualche freccia in più al loro arco devono scendere a patti con vecchi nemici e soprattutto scovare e coinvolgere il Joe originale da cui il nome della squadra.

Inutile puntualizzare che il Joe in questione è Bruce Willis, in forma come non mai nonostante l’età anagrafica.

La storia si svolge tra colpi di scena e azioni mirabolanti, dopotutto G.I. Joetratto da un fortunato anche se datato, fumetto della Hasbro, e qui se ne respira l’atmosfera in ogni fotogramma, ma il risultato finale è un po’ deludente, gradevole l’assenza di turpiloquio nei dialoghi forse per il pubblico a cui è rivolta questa pellicola, in compenso nonostante tutte le spettacolari scene di lotta e i numerevoli morti in battaglia non si vede una sola goccia di sangue.

Forse questo prodotto cinematografico era rivolto ad un Pubblico  giovane  e  maschile, come Trasformers oppure Captain  America,  la  storia  è  sviluppata soprattutto in funzione degli effetti speciali, e il 3D ne esalta ulteriormente l’effetto, ma in questo film anche i cattivi non convincono del tutto, mancano di carisma e spessore, in questo sequel è come se mancasse qualcosa, è come se fosse stato  privilegiato  il  lato  spettacolare  tralasciando  la  storia,  anche l’immarcescibile Bruce Willis calato in questi panni non contribuisce alla buona riuscita di questo film.

More from Roberta Pandolfi

IL PONTE DEI CADAVERI di Stuart MacBride

Autore: Stuart MacBride Editore: Newton Compton Pagine: 384 Trama: L’ispettore capo Roberta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.