PRESSAPPOCHISMO E IGNORANZA SUL BURLESQUE

La doverosa precisazione

Una delle prime descrizioni che viene fatta da gente poco informata riguardo il Burlesque, tristemente anche a livello televisivo e ancor più tristemente da giornaliste donne, è che si tratti di un’attività che serve a ravvivare i rapporti di coppia non più infuocati.

La frequentazione di scuole di Burlesque servirebbe quindi a ravvivare l’intimità, per la gioia del proprio compagno.

Nel 2017 credere a priori che lo scopo di un lavoro del genere della donna sia per portare beneficio alla coppia, è alquanto infelice poiché non è nemmeno considerata l’ipotesi che lo faccia per se stessa e questo, pensando all’indipendenza femminile, è scoraggiante.

Prima di esibirsi per qualcuno la performer fa un importante lavoro su di sé.

Una donna che si iscrive ad un corso di Burlesque prima di tutto lo fa perché è disposta a mettersi in gioco, ad andare contro molte costruzioni mentali che la società trasmette sull’ideale modello femminile, è disposta a prendere confidenza con il proprio corpo e con degli accessori che non fanno più parte dell’abbigliamento moderno ma che sono un classico di femminilità (ad esempio corsetti, guanti, reggicalze…) inoltre è consapevole di poter essere soggetta a pesanti critiche.

Quello che una donna impara è fondamentalmente ad avere autostima, ad essere serena con se stessa, e a vivere la sua femminilità in tutte le sfaccettature: diva, pin up, una pantera e tanto altro.

Non è l’atteggiarsi ma il sentirsi.

Gli insegnamenti vengono poi utilizzati quasi inconsapevolmente nel quotidiano, la prima e più importante beneficiaria del Burlesque è la donna stessa.

Solo dopo la donna decide se voler condividere con qualcuno questo suo percorso, pubblicamente o privatamente.

Fare del Burlesque per il partner talvolta risulta più difficile proprio per la componente emotiva e di intimità di cui invece ci si libera sul palco, sul palco è un gioco.

Condividere la nuova femminilità può avere un valore sentimentale di complicità molto forte, un valore aggiunto, un regalo.

Il Burlesque da’ gli strumenti per portare creatività alla coppia che è quello che di solito manca quando ci si rilassa nell’abitudine e nella routine.

Si può essere creativi solo essendo sicuri di se stessi.

Possiamo ipotizzare che in una coppia dove il Burlesque sia routine, un pigiama di flanella e dei rolli in testa siano la novità!

Uno dei primi stereotipi da dover abbattere è che il Burlesque abbia come scopo la seduzione sessuale, non c’è niente di più errato poiché il fine della performer è la complicità con il pubblico e lo strumento principale è l’ironia.

Altro preconcetto è che questo spettacolo sia di competenza solo di bellezze canoniche invece l’età e il fisico non sono importanti nel Burlesque, lo è invece l’interpretazione, ricordiamo che le performance hanno una preponderante componente recitativa-scenografica.

Lo show di Burlesque raggiunge più facilmente il pubblico femminile, che trova molta affinità con la performer su due aspetti: quello dell’ammirazione, del volerla imitare, e quello del riconoscere il lavoro di autostima necessario per spogliarsi pubblicamente, che può mettere in imbarazzo.

Il pubblico maschile poco informato, si sente messo a disagio dalla spettacolarizzazione di questi atteggiamenti generalmente associati all’intimità.

La femminilità è una cosa così intima che non va fatta per nessuno, se non per se stesse.

Eleonora “Spicy Cookie” Semprini

Tags from the story
,
More from Redazione Sul Palco

LA BURLESQUE TERAPIA DI CRISTIANA DE GIGLIO

E' il turno di Amalia Vox nel dire la sua sul burlesque
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.