STORIA DI MILO, IL GATTO CHE NON SAPEVA SALTARE di Costanza Rizzacasa d’Orsogna

Autore: Costanza Rizzacasa d’Orsogna
Collana: LE GABBIANELLE
Casa Editrice: GUANDA
112 pagine, Cartonato

TRAMA: Milo è un gattino nero, nato per strada in circostanze travagliate. La solitudine lo costringe a crescere in fretta, anche se appare tanto fragile e minuto. E con quel difetto, per di più, di camminare a zig-zag, tutto traballante.

Ma lui non si sente diverso dagli altri e, in una notte di temporale, decide di provarci: di darsi lo slancio verso la grande avventura della vita. L’incontro con una ragazza – che forse aspettava proprio lui – gli rivelerà il significato della parola casa.

Con affetto e pazienza, la mamma umana lo sosterrà nei suoi goffi tentativi di imparare a saltare. Intorno a loro, tanti nuovi amici: il gabbiano Virgilio, lo scorpioncino G-Attila, il riccio Giulia, l’astice senza una chela…

Grazie a tutti loro, Milo scoprirà che si può trasformare la fragilità in forza e che non c’è molta differenza tra essere diverso e essere speciale.

Una storia di amicizia, amore e resilienza, una favola per tutti, con un protagonista che rimane a lungo nel cuore.

 

Le storie di animali di solito sono rivolte ad un pubblico molto giovane, sono favole per addolcire la vita, e questa non fa eccezione, è una storia bella a lieto fine, ben raccontata, ricca di buoni sentimenti e di interazioni tra specie diverse, dovrebbe far riflettere anche i lettori non piu’ in tenera età e forse l’intento della scrittrice è proprio questo: “allargare gli orizzonti a chi ormai vive con i paraocchi”.

La storia è ben scritta, scorre bene, non ha momenti di stasi, mi ha ricordato le favole di Sepulveda dove i protagonisti sono quasi sempre animali e hanno sempre qualcosa da insegnarci.

La morale di questa favola potrebbe essere: “vivi ogni attimo intensamente senza mai chiederti cosa ti riserva il destino, e quando si presenta qualcosa di inaspettato o sconosciuto cerca sempre di vederne il lato positivo” proprio come fa Milo il protagonista peloso (e realmente in carne ossa e pelo nero) di questo libro.

More from Roberta Pandolfi

ROBOCOP 2014

  GENERE: Fantascienza, Azione REGIA: José Padilha SCENEGGIATURA: Nick Schenk, James Vanderbilt,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.