Good Omens

Un Angelo e un Diavolo contro l'Apocalisse

Per chi, come la sottoscritta, ha eletto a Dottore preferito (dalla longeva serie del Doctor Who) David Tennant, questa è una miniserie assolutamente da non perdere: Good Omens, che, sebbene mi abbia subito ricordato nel titolo l’horror The Omen, che tanto mi spaventò da bambina, è tutt’altro che terrificante.

Good Omens è infatti una miniserie televisiva britannico-statunitense diretta da Douglas Mackinnon e basata sul romanzo di Terry Pratchett e Neil Gaiman del 1990 Buona Apocalisse a tutti! (Good Omens: The Nice and Accurate Prophecies of Agnes Nutter, Witch). E già il binomio Pratchett-Gaiman è sinonimo di mondi fantastici ed ironico divertimento; il libro suddetto, in particolare, è un romanzo umoristico apocalittico, una commedia metafisica e parodistica sull’avvento dell’Apocalisse, scritto a quattro mani dai migliori scrittori del genere dei nostri tempi. Perciò il compito di Mackinnon, di riportare su schermo l’opera di due mostri sacri, non era dei più facili; ma la serie è stata scritta dallo stesso Gaiman, ed il risultato finale è sorprendente. Good Omens, grazie anche all’ottima scelta degli interpreti, mantiene infatti intatta l’ironia ed il divertimento della carta stampata, proiettando lo spettatore in un mondo reale dove Angeli e Demoni scorrazzano liberamente.

Il plot è semplice; le forze del Paradiso e le potenze Infernali hanno deciso di scatenare l’Apocalisse. L’evento che innescherà la fine del mondo è la venuta dell’Anticristo, come è scritto nelle Belle e accurate profezie di Agnes Nutter. Il demone Crowley (uno splendido David Tennant) e l’angelo Aziraphale (un bravissimo Michael Sheen), che rappresentano le rispettive fazioni sulla Terra, ormai affezionati alle usanze terrene, si alleano per scongiurare la guerra finale tra Angeli e Demoni che distruggerà il mondo e l’intera umanità.

L’Angelo biondo ‘Checca del Sud’ e il diabolico ‘occhi di serpente’, in realtà, si conoscono sin dalla creazione del mondo; e nei secoli han coltivato, all’insaputa dei loro ‘superiori’, una bella e longeva amicizia, che è il fulcro di questa storia, raccontataci dalla voce di Dio,’doppiato’ dall’altrettanto brava Frances McDormand. Uniti dal desiderio di salvare il mondo così com’è, cercheranno in tutti i modi di evitare l’Apocalisse imminente, inizialmente tentando di influenzare lo stesso Anticristo bambino (ma a causa di un errore delle Suore Sataniste era quello sbagliato), quindi affrontando i quattro cavalieri dell’Apocalisse (Guerra, Carestia, Morte… e un’imberbe ed asessuato Inquinamento, che ha preso il posto dell’antica Pestilenza) ed infine i propri stessi superiori. Aiutati, a latere, da Anathema Device e Newton Pulsifer, discendenti la prima della stessa Agnes Nutter delle profezie ed il secondo dell’inquisitore che la bruciò viva (anche se in realtà fu il contrario) e persino dal vero Anticristo bambino, Adam Young, cresciuto nella ridente campagna inglese, a Tadfield, insieme ai suoi tre amici del cuore e ad un terribile segugio infernale tramutato in piccolo e dolce terrier, Crowley e Aziraphale, due superlativi, occorre ripeterlo, Tennant e Sheen, riusciranno in extremis nel loro intento… e finanche a salvarsi dalla punizione dei rispettivi, guerrafondai, superiori.

Good Omens è una commedia parodistica, con qualche tratto femminista, che diverte e commuove, mostrando il valore dell’Amicizia che unisce aldilà delle differenze sostanziali, e mettendo in luce un’umanità imperfetta ma degna di salvezza, finché in essa ci sarà un barlume di Amore in ogni sua forma.

Michela Aloisi

More from Redazione Sul Palco

LA BURLESQUE TERAPIA DI CRISTIANA DE GIGLIO

Milena Bisacco è la prima di una serie di testimonianze
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.