Tolkien

Storia di un mito

John Ronald Reuel Tolkien, celeberrimo autore de Lo Hobbit e de Il Signore degli Anelli (e del Silmarillion e altri, meno noti ai più) prima della Terra di Mezzo. Questa la sintesi del film diretto dal regista finlandese Dome Karukoski a lui intitolato: Tolkien. Un film dal budget modesto, soprattutto se paragonato a quello dei film di Peter Jackson, ma coraggioso e appassionato, con forse qualche licenza poetica di troppo ma con il pregio di dipingere a chiari tratti uno stralcio di vita del Mito, mostrandone il lato privato e le sue intime connessioni con il mondo da lui creato.

Il film di Karukoski è un salto nel passato, quello di Tolkien ma anche quello dei nostri nonni e bisnonni; riviviamo infatti con lui gli anni precedenti la prima guerra mondiale, ma anche gli orrori della stessa e le sue conseguenze. Vediamo lo scrittore bambino rimanere orfano ed essere affidato a un sacerdote cattolico, sotto la cui guida iniziò gli studi dimostrando ben presto capacità linguistiche notevoli; lo ritroviamo negli anni della formazione presso la King Edward’s School di Birmingham insieme ai compagni Geoffrey Bache Smith, Robert Gilson e Christopher Wiseman, con cui fonda una società segreta – la Tea Club in Barovian Society – dedita all’arte e alla scrittura; lo vediamo conoscere Edith, sua futura moglie. Ma soprattutto vediamo il nascere e l’evolversi dei suoi mondi fantastici, mentre Karukoski ci mostra, con l’aiuto di visioni soprannaturali, come gli avvenimenti della sua vita abbiano nutrito la sua opera; ecco allora Arwen incarnarsi nella sua Edith, ecco Sauron ergersi dal fango delle trincee mentre nelle fiamme della battaglia sembra di essere a Mordor.

Eccolo, il fil rouge di questo film, il colpo di genio che lo rende un biopic affascinante nonostante i suoi limiti: Karukoski, mostrandoci la ‘prima vita’ di Tolkien, ci indica dove la sua idea di un gruppo di eroi impavidi partiti per distruggere il Male, quella che sarà la Compagnia dell’anello, nasce e prende forma. Nel Tolkien di Karukoski, ben interpretato dall’enigmatico Nicholas Hoult, troviamo tutto il suo candore, la sua intelligenza, il suo senso della lealtà, dell’amicizia e dell’amore, che saranno l’anima dei suoi romanzi; e nello sguardo blu di Hoult ritroviamo, sotto una superficie apparentemente immobile, tutto il mondo immaginario di J.R.R. Tolkien: la Terra di Mezzo, gli orchi, gli stregoni, gli elfi, i nani, gli uomini, ma soprattutto quelle creature speciali che tanto gli somigliano: gli Hobbit. Piccoli uomini della Contea, amanti della tranquillità rurale e del focolare domestico, ma pronti a partire per un’avventura straordinaria se se ne presenta l’occasione; ecco allora che Tolkien è Frodo che parte per la guerra con i suoi Sam, Merry e Pipino (gli amici Rob, Geoffrey e Christopher), ma soprattutto Tolkien è Bilbo al suo ritorno nella Contea, intento a fumare la sua pipa nella calda intimità della sua casa.

Michela Aloisi

More from Redazione Sul Palco

L’UOMO NON HA IL DIRITTO DI

Violenza sessuale, perchè giustificarla?
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.