LA COLLEZIONE DAPHNE MILANO

Dalla creatività di Daniela Del Cima
La collezione DAPHNE MILANO, nasce da un progetto della design Daniela Del Cima, di proporre abiti couture e Pret a Porter destinati ai momenti speciali.
Dalla cerimonia alla sposa al cocktail l’abito diventa una espressione creativa della stilista.
Daniela Del Cima
Nata in toscana, studia architettura a firenze, respira la magnificenza del mondo rinascimentale che la seguirà in tutto il suo percorso professionale.
Ma pietrasanta, culla della scultura e della lavorazione del mitico marmo bianco di Carrara, dove sono passati i maggiori scultori da Michelangelo a Botero è la sua dimora attuale, dove ritrova il contatto con l’arte, dopo la frenesia del lavoro svolto nel suo ATELIER DI MILANO.
Questa formazione, squisitamente ITALIANA le permette di avere, oltre ad un gusto innato, uno stile raffinato, elegante ricco di sensualità e maestria nella scelta dei materiali.
Consulenze di stile la portano in contatto con le più importanti aziende italiane. Creando così una profonda conoscenza del settore moda e lusso.
La collezione DAPHNE MILANO, racchiude questo percorso artistico professionale.
Cosìcché possiamo trovare abiti vagamente ispirati alla mitica ” primavera del BOTTICELLI ‘ esposta a palazzo Pitti a Firenze. Ma resa fluida e moderna per una donna giovane dinamica e sensuale. Le forme, sempre morbide e svolazzanti, creano giochi di morbidezze intorno al corpo.  Mai troppo aggressive o provocanti, ma esaltazione pura della bellezza naturale della femminilità, nella sua essenza più alta.
Da qui nasce la scelta del nome ‘DAPHNE ‘ rappresentazione mitica di una giovane fanciulla che non soccombe al suo destino di essere presa per la sua bellezza.
Ma diventa simbolo di libertà al femminile, per essere se stessa.
I TESSUTI ricerca sapiente delle maggiori aziende italiane, racchiudono una selezione di stampe pizzi, broccati, scelti sempre in un gioco di cromie soffuse, come l’impasto di una tavolozza di un pittore del ‘500. Prediletti i fiori, con interpretazioni oniriche. Sono infatti i tessuti la fonte maggiore di ispirazione della stilista, i tessuti suggeriscono forme e suggestioni, ogni volta interpretate diversamente, ma sempre con la morbidezza e semplicità che rappresenta la vera ricchezza del capo.
Reportage di Marzia Bortolotti 
Sophie Sapphire
More from Redazione Sul Palco

Pokémon: Detective Picachu

I Pokemon alla conquista del mondo
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.