LANA DEL REY

"White dress"

La musica pop che Lana Del Rey sta facendo in questo momento sembra irraggiungibile, come se dovessi semplicemente inclinare la testa e ammirarla attraverso un vetro.

Chi è questa persona che riesce ad unire Sun Ra e Kings of Leon in una luce simile? Che sta sussurrando questi ritornelli scheggiati così in alto nel suo registro che è impossibile cantarli?

Questo è ciò che accade in “White Dress”, co-scritto da Jack Antonoff, un momento clou delirante del suo album Chemtrails Over the Country Club.

Lana, che si veste completamente di bianco nel tentativo di essere la più gotica, è la nostra melodrammatica guida turistica attraverso il suo passato. Certo, è un viaggio nella memoria verso una vita più semplice prima di tutto il gossip dei tabloid, ma quando canta di come i tavoli “mi hanno fatto sentire come un dio”, è come se stesse fissando un calderone vorticoso, lanciando un incantesimo per deificare se stessa ancora una volta.

Antonio Alberto Di Santo

More from Redazione Sul Palco

A Est con il regista Antonio Pisu

Dalle Notti Veneziane presto in sala, il lungometraggio Est – Dittatura last...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.