KAY FLOCK

"Being honest"

L’adolescente del Bronx Kay Flock ha la voce di un uomo molto più maturo, adatta a cantare minacce e a suggerire un dolore implacabile.

“Being Honest”, dà a Kay Flock lo spazio per esprimere la sua tormentata visione del mondo.

I versi della canzone sono spogli, pieni di solitudine, chiamate perse e morte, il tutto sopra campionature stile XXXTentacion ,fatte  per suonare come se fossero una reliquia pop dissotterrata dagli anni ’60.

In un anno in cui la musica Drill a New York sembrava stagnare, Kay Flock gli ha dato nuova vita.

Antonio Alberto Di Santo

More from Redazione Sul Palco

L’ANGOLO DI AMIRA

La nostra nuova rubrica in uscita ogni 16 del mese
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.