CLAIRE ROUSAY

"A softer focus"

Sparsi in tutto l’album di Claire Rousay ci sono frammenti della sua vita quotidiana: i suoni di una macchina da scrivere, un vortice assordante di cicale, conversazioni a malapena udibili.

Avvolti da onde di oceano, melodie semi-ricordate e archi saturati di malinconia, questi suoni prosaici diventano monumentali, attivando un potente senso di nostalgia per momenti di quieta riflessione e connessione umana.

I pezzi astratti su un focus più morbido sono resi potenti dalla loro suggestiva familiarità, ognuno suona un potenziale innesco per i nostri ricordi: felici, tristi o, più probabilmente, da qualche parte nel mezzo.

Antonio Alberto Di Santo

More from Redazione Sul Palco

PSICHE E DOPPIA PANNA

Psicologia al gusto di castagna
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.