IL RITORNO DELL’ALCHIMIA CON LA BISBETICA DOMATA

Un adattamento molto ben riuscito

LA BISBETICA DOMATA di William Shakespeare

Riduzione e adattamento Claudio Blancato & Franca De Santis

Regia Claudio Blancato

Con Franca De Santis, Claudio Blancato, Fernando Sbriscia, Pino Pontuali, Alessandro Tozzi

Musche dal vivo Pino Pontuali

Teatro Maurizio Fiorani, Canale Monterano (RM), 8 maggio 2022

 

Una riduzione e un adattamento intelligenti, quelli di Claudio Blancato e Franca De Santis per il ritorno in scena dell’Alchimia dopo la pausa forzata Covid; la scelta è caduta su La bisbetica domata dell’eterno Shakespeare.

Una bisbetica perfetta, Franca De Santis, sgraziata al punto giusto per entrare nel personaggio, interpretato da una coatta della borgata Finocchio di Roma, “corteggiata” da un povero Petruccio, interpretato dal regista stesso Claudio Blancato, che nella narrazione è anche il regista delle prove.

Tutto lo spettacolo alterna fasi di teoriche prove della compagnia, dietro le quinte compresi, con un attore squattrinato ad interpretare Battista, il padre di Caterina (Fernando Sbriscia, abilissimo nell’invecchiarsi per adeguarsi al personaggio) e due artisti di strada a fare i menestrelli, Alessandro Tozzi e Pino Pontuali, che come di consueto porta il valore aggiunto delle musiche suonate col suo organetto.

Spettacolo zeppo di trovate divertenti, sia nella scena vera e propria che nelle “pause delle prove”, scenografia non esagerata ma opportunamente divisa nei vari ambienti. I personaggi minori come la sorella Bianca o il prete che si occupa del penoso ufficio di celebrare il matrimonio vengono realizzati attraverso i menestrelli stessi con improbabili camuffamenti, in modo da non essere di certo irriconoscibili.

Caterina è, come vuole Shakespeare, intrattabile all’inizio per poi addolcirsi gradualmente, ma questo avviene puntando sempre il mirino sull’attualissimo argomento del rispetto per la donna, tanto più che lo spettacolo va in scena il giorno dell Festa della Mamma, per cui non è ben chiaro chi sia il vero vincitore della contesa, se Petruccio, autore dell’impresa di aver domato Caterina, o Caterina stessa che ce lo fa soltanto credere.

Un’attualizzazione ben riuscita, messa in scena dagli attori dell’Alchimia che si rendono nella finzione scenica più dilettanti di quanto non siano effettivamente.

La determinazione di Petruccio, l’insopportabilità di Caterina, la compassione che quasi genera Battista, la voluta goffaggine dei menestrelli, che sembrano mettercela tutta per rovinare lo spettacolo ma in realtà lo arricchiscono di momenti divertenti, una regia sobria ma sempre azzeccata, ci sono tutti gli ingredienti per sperare di rivedere questo spettacolo in altre occasioni, magari condito dalla stessa calda accoglienza offerta dal Teatro Maurizio Fiorani di Canale Monterano grazie all’ospitalità dei direttori artistici Carmine Ferrara ed Esper Russo.

Giancarlo Marmitta

More from Redazione Sul Palco

The Face of an Angel

Il film, realizzato dall’inglese Michael Winterbottom, ripercorre le indagini sull’omicidio della studentessa...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.