UP AND DOWN a Ostia Antica

Per I racconti di Dioniso I edizione uno spettacolo pungente e attuale, con il Castello di Giulio II a dominare la scena

Sabato 9 luglio 2022
Castello di Giulio II (Fossato)
Parco Archeologico di Ostia Antica
ore 19:15 Up and down
Produzione: M&N’s
Testo e regia: Franco Nappi
Con: Emanuele Scherillo, Marco Serra, Chiara Vitiello

Intro: “Up and Down” è uno spettacolo sulla disabilità scritto e diretto da Franco Nappi e interpretato da Emanuele Scherillo, attore disabile. Usando una chiave al contempo ironica e poetica lo spettacolo, prodotto dall’associazione M&N’s racconta la sfida ai pregiudizi e alle difficoltà quotidiane di un aspirante atleta paraolimpico chiamato a fare a pugni con la vita.

Un’altra calda serata di luglio, un’altra location d’eccezione, sebbene più esposta delle precedenti a qualche interferenza esterna. Su tutte il continuo passaggio di aerei diretti allo scalo di Fiumicino sopra le teste dei presenti! Ma gli interpreti, profondamente umani e abili anche a improvvisare, ci hanno fatto sorridere persino di questo… e quindi la sagoma imponente del Castello di Giulio II a Ostia Antica è tornata a essere un elemento rassicurante, protettivo, struttura architettonica ammirata peraltro da quel fossato dove un pubblico molto attento e partecipe si è potuto gustare di seguito ben due spettacoli, entrambi inseriti ne I racconti di Dioniso I edizione. Quello che ci accingiamo a descrivere è comunque il primo della serata, foriero di emozioni profonde, ironie mirate e un condivisibile senso di amarezza, nei riguardi di una società attuale la cui perdita di valori risulta evidente anche da questo breve, sentito racconto, messo in scena con lampante – ed appropriata – semplicità.

Il nostro plauso va innanzitutto a Emanuele Scherillo, attore nonché pugile disabile, che sin dall’atto di indossare i guantoni ha saputo assicurare veridicità a un’interpretazione nervosa, verace, guardinga come quegli atleti che sanno già di dover affrontare sul ring un rivale insidioso. In questo caso non tanto gli avversari degli incontri di boxe che dovrebbero avvicinarlo alle Paralimpiadi, quanto piuttosto le trappole di cui è disseminata una realtà solo apparentemente inclusiva e aperta, viziata in realtà da dolciastre ipocrisie, da cinismo e da giochetti mediatici di quella che Debord definiva giustamente “società dello spettacolo”… e che oggi, imbellettata diversamente da qualche decennio fa, forse fa addirittura più paura.

Complici la capacità affabulatoria di Chiara Vitiello, temibile giornalista capace di sacrificare qualsiasi orizzonte etico alla carriera, nonché i divertenti e surreali siparietti umoristici affidati agli altri interpreti, Up and Down riesce a non banalizzare il tema mescolando aspirazioni individuali e disillusione collettiva, satira dei mezzi di informazione e passione sportiva. Tutti meriti che ascriviamo, naturalmente, anche all’arguzia e alla freschezza del testo di Franco Nappi, genuino e concreto come un diretto ben assestato.

Written By
More from Stefano Coccia

Rwanda e Die Mauer ora disponibili su Amazon Prime Video

Il regista Riccardo Salvetti ha voluto raccontarci, in esclusiva per SulPalco, la...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.