Rkomi in concerto

Continua l'"Insuperabile summer tour" del giovane artista

Mirko Martorana, in arte Rkomi, classe 1994, di Milano, si è esibito a San Salvo marina il 25 luglio 2022.

Il giovane artista, dai più considerato esponente dell’indie rap, si è presentato, come ha fatto anche negli ultimi concerti, a torso nudo, e, con il caldo che faceva, ci stava tutto!

Proprio a causa del caldo (32 gradi alle 22 con un tasso di umidità elevato) e della calca delle prime file, alcune persone si sono sentite male. La sensibilità dell’artista è venuta fuori quando ha interrotto il concerto, per ben 3 volte, per far raggiungere dalla sicurezza le ragazze che hanno avuto malori e per far distribuire l’acqua alle prime file.

Canzoni orecchiabili, perlopiù per ragazzi dai 15 ai 25 anni, e questa era l’età di gran parte degli spettatori.

Molti fan hanno cantato all’unisono le sue canzoni, altri gironzolavano per l’area concerti più contenti di bere una birra e mangiare un pezzo di pizza che guardare la performance.

Quasi tutti con i telefonini a riprendere l’esibizione e scattare foto tanto che Rkomi, ad un certo punto, ha detto una cosa sacrosanta: ha chiesto a tutti di spegnere i cellulari e godersi l’attimo perché se si è troppo intenti a fare foto e video, non si vive il momento e, tornado a casa, quello che rimane sarà solo la foto ma non l’emozione che nasce guardando dal vivo e vivendo l’evento. Queste sono le parole che ha ripetuto anche in altri concerti e io son perfettamente d’accordo con lui, peccato che poco dopo, anzi, immediatamente dopo, ha chiesto a tutti di prendere i cellulari per immortalare un componente dello staff che ha invitato a salire sul palco per ringraziarlo…che tempismo!

Senza infamia e senza lode ha cantato una decina di canzoni (14, per l’esatezza), ha coinvolto le prime file del pubblico, indubbiamente fan accaniti, cercando di coinvolgere anche le ultime invitandole a saltare, cantare e ballare ma l’atmosfera si è infuocata quando ha cominciato ad intonare “La coda del diavolo”, brano cantato con Elodie, in questo caso la sua voce era registrata.

Alle prime note il pubblico è corso TUTTO verso il palco a saltare e cantare, lasciando anche stare le birre, tanto da rendere Rkomi così contento da cantarla di nuovo e intonare il “Pa pa ra ra ra ra ra” almeno una cinquantina di volte, una canzone di poco più di 3 minuti durata quasi 10 minuti.

Per quanto bravo, infatti l’album Taxi driver è il più ascoltato e venduto al momento in Italia, deve ancora maturare sul piano dei live, dove si nota la sua giovane età e la sua poca esperienza, tanto che qualche canzone non è stata cantata in “maniera pulita” (qualche stonatura, qualche nota dove non è arrivato) ma sono certa che ne farà di strada questo bravo artista.

All’uscita non c’erano ragazzi che continuavano ad intonare le sue canzoni, forse perché già “distratti” dalla musica suonata a tutto volume nei lidi e nei locali che circondano l’area concerti.

Il risultato finale del concerto è un “così così”.

Comunque in bocca al lupo per X factor, dove Rkomi sarà il quarto giudice assieme ai colleghi Fedez, Ambra Angiolini e Dargen D’Amico.

 

Un plauso alla BestEventi che ha organizzato il concerto in modo impeccabile.

 

More from Raffaella Toffi

Ghostbuster 2016

Fantasmi tremate, le acchiappafantasmi sono arrivate!
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.