La serata russo-ucraina di Indiecinema al Circolo Arcobaleno

Venerdì 16 dicembre il Circolo Arcobaleno ospiterà uno degli eventi più attesi del festival

La sera del 16 dicembre, a partire dalle ore 20, Indiecinema Film Festival darà il via a una nuova, graditissima sinergia: quella col Circolo Arcobaleno di Via Pullino 1 alla Garbatella, Roma, realtà sempre attenta all’impatto di certe dinamiche culturali. E difatti a inaugurare tale rapporto sarà uno degli eventi più attesi del festival, la serata russo-ucraina, che attraverso la proiezione di opere cinematografiche dei due paesi vuole costruire un ponte, laddove la diplomazia tarda purtroppo ad arrivare. Sarà inoltre ospite dell’evento la regista russa Alicia Maksimova, giunta per l’occasione a Roma e in concorso al festival per la seconda edizione consecutiva!

Ingresso (4 Euro la proiezione + 8 Euro tessera ARCI, se sprovvisti)
Ma vediamo nello specifico il programma della serata.

20.00 Happy
Documentario, di Ivan Rodin, Russia 2022 (durata: 39 minuti)
LINGUA: russo SOTTOTITOLI: inglese
Bangis Schastlivyi (il cui nome proprio è traducibile come “Happy”, “felice”) è figlio di un’influente diplomatico guineano e di una donna russa molto semplice. È una delle poche persone di colore nate in URSS. Tutta la sua vita è stata una serie di eventi affascinanti: un incontro all’estero con suo padre, mai visto prima, le miniere d’oro in Africa, le conquiste personali e le sconfitte. Nonostante tutte le difficoltà, il nome Bangis corrisponde alla realtà. Non importa cosa accada, lui è ancora felice.

20.50 But Happy
Cortometraggio, di Anatolii Umanets, Ucraina 2021 (durata: 9 minuti)
LINGUA: russo SOTTOTITOLI: inglese
Una giovane donna in una bella casa grande si diverte a creare il design dell’appartamento, mentre un fattorino dall’aria molto cupa consegna la pizza di notte. Scopriremo presto cos’hanno in comune e in che modo lei può influenzarlo…

21.10 La Speranza
Cortometraggio, di Alicia Maksimova, Russia / GB 2022
LINGUA: russo SOTTOTITOLI: italiano (durata: 32 minuti)
“Hope” (Nadezhda) è un film straordinariamente bello e simbolico su cosa sia diventata la pandemia per tre donne di lingua russa che vivono in Gran Bretagna. “Volevo che il film fosse il mio contributo alla causa della resistenza”, afferma la regista Alicia Maksimova. Il film solleva le questioni più importanti di moralità, autodeterminazione, visione del mondo, libertà di scelta.
Sarà presente la Regista Alicia Maksimova

Written By
More from Stefano Coccia

Anita, Colomba e le altre. Le ardimentose eroine del 1849

Breve cronaca dell’emozionante visita teatralizzata al Gianicolo
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.