Arriva l’assassina professionista di Lady Cobra – Una killer in blues

A breve nelle sale il lungometraggio diretto da Fabio Giovinazzo, un mix tutto italiano di Quentin Tarantino e David Lynch.

È imminente nelle sale cinematografiche l’uscita di Lady Cobra – Una killer in blues, lungometraggio d’esordio del genovese Fabio Giovinazzo.

Sceneggiato dallo stesso Giovinazzo con la collaborazione di Antonio Lusci Alessandra Chiodi, un prodotto indipendente che guarda alle ossessioni per la cultura pop di Quentin Tarantino filtrandole attraverso l’espressionismo simbolico di David Lynch.

Una donna – veterana di guerra in congedo, disadattata ma idealista – alterna il lavoro come fioraia all’attività di killer a pagamento. Vestita di rosa, riceve i suoi clienti in un cimitero e si sposta su una potente Shelby Cobra degli anni Sessanta. Considerata la migliore, è conosciuta nell’ambiente con il nome di Lady Cobra e porta sempre a termine ogni incarico sfruttando la sua infallibile Smith & Wesson. Il naufragio sentimentale con un uomo di cui è ancora invaghita la spinge in un vortice di follia che la porterà a ribellarsi alle ingiustizie di una società sempre più depravata.

Il regista dichiara: “Il film è un intimo psicodramma su strada, filtrato da un forte sapore blues in musica che ha le forme cangianti di una vocazione che non può fare a meno di scendere a patti con un disturbo mentale nascosto. Donna e società: ho lavorato su una contrapposizione dai tratti fumettistici e onirici verso una forma di schiavismo legalizzato fin dalla nascita con la capacità di far annegare nella disperazione o nella follia omicida coloro che maggiormente sarebbero disponibili al Bene. Alla fine il colpo fantastico è un ideale di giustizia feroce ma obbligato”.

Lady Cobra – Una killer in blues è prodotto e distribuito da Fabio Giovinazzo e Nicoletta Tanghèri.

Ne è protagonista Nicoletta Tanghèri affiancata da Adriano ApràGabriele BartolettiPaola BazurroAndrea BenfanteRaffaele CasagrandePaolo DragoAnna Giarrocco e Fabio Taddi, più le voci di Davide Aloi e Antonio Carletti.

Si occupa della fotografia Andrea Bertero, mentre il montaggio è a cura di Lucio BasadonneA.B. e Fabio Giovinazzo e le musiche sono a firma di Joe Valeriano e Silvia Tavascia.

Written By
More from Stefano Coccia
Padroni del nostro destino o schiavi dei nostri calcoli?
Sabato 2 marzo Elio Crifò presenta il quinto appuntamento con gli aperitivi...
Read More
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments