Trucchi per l’anima

Buon successo di pubblico al Teatro Trastevere

Un uomo e una donna si incontrano su un palcoscenico. Il teatro è deserto. Sono due sconosciuti (interpretati da Giorgio Carosi e Beatrice Gregorini), parlano fra loro ma sembrano molto nervosi, non conoscono nemmeno l’uno il nome dell’altro. Poi d’improvviso, prendono a recitare momenti difficili delle loro vite, problemi coniugali, liti, incomprensioni. E poi di nuovo, per qualche motivo, la messinscena viene interrotta. Come scopriamo presto, si tratta in realtà di una bizzarra seduta psicanalitica, dove a chi interviene è richiesto di interpretare gli episodi dolorosi che non riesce a superare, in una sorta di catarsi spinta all’estremo. L’ideatore di questa trovata è un misterioso professionista che, a quanto pare, comunica con i suoi pazienti solo tramite pc, senza rendersi riconoscibile, proponendo l’originale soluzione a chi evidentemente non può permettersi i costi di un’analisi tradizionale.

E’ un gioco delle parti, un teatro nel teatro, l’anonimato che assume più volti e che ricrea frammenti di vite. Sulla sua efficacia, però, i dubbi non mancano e gli stessi partecipanti si ritrovano prima immersi in forti emozioni e poi, d’improvviso, spaesati e ricatapultati nel presente, finiscono per discutere e riflettere su tutto quello che continua ad andar male. E non è poco. 
Realtà e finzione si confondono e, mano a mano che questa insolita simulazione di ruoli procede, i due sfortunati a improvvisati attori si ritrovano più vicini,  risucchiati da un vortice inestricabile di turbamenti da cui è difficile uscire davvero.
Ma le sorprese non mancano, perché il teatro cela tanti livelli e le cose non sono sempre quelle che sembrano.

Scritta e diretta da Rosario Galli, questa pièce teatrale in cartellone al Teatro Trastevere di Roma il 26 e il 27 marzo scorsi, ha saputo registrare un buonissimo successo. Difficile inquadrare con poche parole un lavoro così sfaccettato, capace di cambiare repentinamente umore di protagonisti e pubblico. Impossibile non ammettere che tutti noi, almeno una volta, ci siamo detti che in particolari frangenti, potendo tornare indietro, avremmo fatto scelte diverse, ci saremmo comportati in altro modo. E quei passaggi del nostro vissuto, di un passato a volte neanche troppo remoto, vengono rivisti nella nostra mente più e più volte e quindi, da un certo punto di vista, recitati ancora, da capo. Ma serve a liberarci dei nostri rimpianti, delle nostre sofferenze? Serve forse ad assolverci, a convincerci che è tempo di andare oltre? Il misterioso “lui” che organizza questi teatrali incontri fra i suoi pazienti, sembra esserne sicuro. In scena si alternano commedia, dramma, dubbi, slanci amorosi, ma difficilmente le persone possono essere controllate da un copione e qualcosa può sfuggire a questo misterioso architetto. Benissimo l’affiatamento tra i due protagonisti che, a turno, prima guidano la narrazione poi in un batter d’occhio diventano la spalla dell’altro. Naturalmente, le meccaniche della sceneggiatura che intrecciano finzione, realtà e poi ancora finzione, possono spiazzare gli spettatori, soprattutto all’inizio: sicché, il miglior modo di godere dello spettacolo è di lasciarsi condurre e di stare letteralmente al gioco. Esperimento interessante, dunque, grazie altresì ad una buona prestazione degli attori, dove si ride, e tanto anche, ma spesso si ride amaro. 

E quando un buffo e scorbutico inserviente ricorda che la sessione sta per finire, non è detto che la platea abbia finalmente tutte le risposte. Un po’ come accade nelle nostre non sempre facili giornate, d’altra parte.

Massimo Brigandì

“Trucchi per l’anima”

Regia e sceneggiatura di Rosario Galli

Con Giorgio Carosi, Beatrice Gregorini e la partecipazione di Diego Calvo

Aiuto Regia Clelia Calvo

Luci Giorgia Caredda

Coreografia Simona Crivellone

Musiche ed Effetti Enrico Razzicchia

Arredamento Francesco Montanaro

Costumi Tiziana Santoro

Grafica Sara Ghidoni

More from Redazione Sul Palco
L’ultima strega
La storia di Anna Goeldi raccontata in un musical appassionante
Read More
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments