“La signora Matilde” e “Come fossi una bambola” inaugurano l’anno al Circolo Arcobaleno

Il programma targato Indiecinema si svolgerà a Roma, giovedì 4 gennaio, a partire dalle 20.30

Spostata a giovedì 4 gennaio 2024 la  proiezione dell’attesissima docu-fiction su Matilde di Canossa, già in concorso nel 2022/2023  ad Indiecinema Film Festival, inizialmente prevista a dicembre; si aggiunge poi al programma  il primo corto in concorso della nuova edizione del festival.

L’evento riguardante Indiecinema, inizialmente calendarizzato nella seconda metà di dicembre del 2023, avrà luogo invece all’inizio dell’anno nuovo. Difatti Giovedì 4 gennaio 2024 alle ore 21.30, presso il Circolo ARCI Arcobaleno di Via Pullino 1 alla Garbatella, Roma, verrà finalmente proiettato “La signora Matilde.  Gossip dal Medioevo” (2017) di Marco Melluso e Diego Schiavo, già in concorso alla seconda edizione di Indiecinema Film Festival. Gli autori sono gli stessi de “Il Conte Magico” (2019), documentario che ottenne invece il Premio del Pubblico alla primissima edizione del festival.

Prima del loro lavoro, però, ovvero intorno alle 20.30, al Circolo Arcobaleno verrà proiettato (alla presenza dell’autrice e di parte del cast) il primo cortometraggio in concorso dell’attesissima Terza Edizione di Indiecinema Film Festival: la regista è Sara Ceracchi, il corto si intitola Come fossi una bambola. Ne aveva scritto a suo tempo con entusiasmo la giornalista e cineasta Lucilla Colonna, su Taxi Drivers: “Nata a Velletri, Sara Ceracchi spesso dedica i suoi lavori alle dinamiche di coppia. Nel 2020 è uscito il suo libro dal titolo ironico Felici e contenti, seguito da Febo e altri racconti di passione. Su Chili è possibile vedere anche L’ultimo invito, drammatico mediometraggio in cui la regista affronta dall’inizio alla fine una storia di violenza di genere.

«Come fossi una bambola per me è stato riprendere davvero con tutti i crismi la mia passione per il cinema» – dice Ceracchi. – «La mia scrittura, la mia creatività in genere, danzano infatti sulle note della comicità e dell’umorismo, e al di là della qualità finale del film, credo che all’interno di questo racconto la mia “cifra stilistica” abbia trovato il giusto spazio espressivo.»  

Qualche informazione in più su un prodotto cinematografico eccentrico come “La signora Matilde”, che negli anni ha collezionato anche il  Premio Riccardo Francovich per la divulgazione del Medioevo e il Premio Alfredo Castiglioni al Varese Archeofilm, la si può estrapolare invece da un articolo, pubblicato nel settembre 2019 su Cineclandestino.it:

In primo piano una bottiglia di coca cola rosa, col remix della colonna sonora di 2001 Odissea nello Spazio a farne risaltare la funzione di feticcio, sullo sfondo il salone ben arredato di un vecchio maniero, con la simpatica Syusy Blady già pronta a raccontare con apprezzabile ironia e naïveté le vicende di Matilde di Canossa, una delle donne più influenti e argute di tutto il Medioevo. Sin qui sono chiari (e molto ben utilizzati) i contrasti: l’antico e il moderno, legati però da un fil rouge che diverrà più evidente lungo il percorso, con la serietà della ricerca storica destinata invero a rispecchiarsi in un linguaggio fluido, ludico, (post)moderno, capace di far rivivere gli annosi contrasti tra il Papato e l’Impero col piglio di un episodio del Trono di Spade, ma senza banalizzare affatto i contenuti. […] Diego Schiavo e Marco Melluso hanno in più dalla loro uno humour eccentrico, a tratti “cartoonistico”, che risalta ancora di più grazie all’apporto di autentici pilastri della comicità bolognese: oltre alla già menzionata Syusy Blady, guida turistica sui generis, ritroviamo anche qui interpreti come l’istrionico Luciano Manzalini (insomma, metà dei Gemelli Ruggeri), che verrà poi riconfermato ne Il Conte Magico.”

 Ingresso con tessera ARCI + 4 Euro di sottoscrizione

Written By
More from Stefano Coccia
Xanax
Al Teatro delle Muse un duetto da antologia, con in cabina di...
Read More
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments