ROBIN PECKNOLD

"Sunblind"

In “Sunblind”, il frontman dei Fleet Foxes Robin Pecknold porta avanti con orgoglio la tradizione di commemorare i propri eroi con una canzone.

Invoca grandi del passato come Richard Swift, Judee Sill ed Elliott Smith, avvolgendo le loro opere intorno a lui come un manto di sicurezza.

“Nuoterò per una settimana nelle calde acque americane con cari amici”, proclama, annuendo scherzosamente a David Berman di Silver Jewish, scomparso l’anno scorso dopo decenni di torturata brillantezza.

Anche se “Sunblind” è un’ode ai defunti, non soccombe mai alla malinconia. Invece, serve da celebrazione della musica come fonte di conforto e ringiovanimento.

Antonio Alberto Di Santo

More from Redazione Sul Palco
L’ANGOLO DI AMIRA
Buongiorno eccoci di nuovo qui Come avrete notato questo spazio “L’Angolo di...
Read More
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments